menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Operai Vinyls sulla Torre, Zanonato telefona e "prenota" un incontro

Nicoletta Zago e Lucio Sabbadin sono scesi dalla torcia alle 18. Erano pronti a stare a lungo: "Dialogo caldo". Il ministro sarà a Mestre sabato

Sono dovuti salire a 150 metri di altezza per tornare a far sentire la loro voce. Per guadagnare tempo prezioso prima che per la Vinyls fosse il fallimento. La parola fine sulle speranze di poter vivere il proprio futuro al Petrolchimico. Verso le 18 Nicoletta Zago (la pasionaria di mille battaglie e occupazioni) e il collega Lucio Sabbadin sono scesi dalla Torre dello stabilimento industriale, la cui sommità era stata già "toccata" poco più di un anno fa.

VINYLS, LA PROTESTA RAGGIUNGE IL CIELO

"Venga qui il ministro Zanonato", avevano dichiarato la mattina, all'inizio della manifestazione di protesta. E la chiamata del responsabile del governo per lo Sviluppo economico è arrivata. Attesa, sperata. Un colloquio tra il sindaco di Padova e gli operai che si è protratto per poco più di cinque minuti. I lavoratori hanno spiegato la vicenda di cui loro malgrado sono vittima. A quanto sembra avrebbero trovato un orecchio pronto ad accogliere la loro richiesta d'aiuto. Tanto che il ministro ha promesso che sabato prossimo incontrerà sindacati e dipendenti Vinyls nella sede Cgil di via Ca' Marcello. Una promessa. Due giorni per conoscere le carte e poi ci sarà la riunione.

Sperando che dal Tribunale di Venezia nel frattempo non arrivi alcuna parola definitiva sulla vertenza. "Abbiamo avuto un dialogo caldo e franco - racconta Nicoletta Zago - Una volta che abbiamo capito di essere stati ascoltati siamo scesi dalla Torre. Gli abbiamo detto di avere bisogno di vederlo e che sarà il quinto ministro in quattro anni. Ma per ora - conclude - non è cambiato nulla".

I due lavoratori avevano organizzato con i colleghi una sorta di staffetta per prolungare la protesta finché sarebbe stato possibile. Sulla torre del Petrolchimico erano stati portati fornelli da campeggio, tende e altro materiale, compresa una piccola torcia che, era l'intento degli organizzatori, avrebbe dovuto vedersi nella notte. A testimonianza che loro, nonostante tutto, resistevano. E lo avrebbero fatto da lassù.

I SINDACATI - "Dopo la visita di sabato serve un incontro immediato al ministero - sostiene Massimo Meneghetti, segretario generale della Femca Cisl - per costituire una cabina di regia che per prima cosa affronti e trovi una soluzione alla vertenza Vinyls, ottenendo dal Tribunale di Venezia l'esercizio provvisorio, un altro anno di cigs e la copertura dei presidi agli impianti anche attraverso l'utilizzo dei lavori di pubblica utilità". Secondo il sindacalista quini il tavolo dovrà affrontare il piano di riqualificazione e rinconversione industriale di Porto Marghera e sollecitare l'Eni a farsi promotrice di una nuova stagione di sviluppo". "Al ministro Zanonato diamo il benvenuto - conclude Meneghetti - ma soprattutto gli chiediamo di arrivare all'incontro di sabato prossimo preparato e con le prime risposte alle richieste sopra esposte".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento