Arteria "incarcerata" da una malformazione ossea: tre équipe operano in contemporanea all'Angelo

Chirurgia vascolare, condotta dal dottor Dorrucci, chirurgia toracica condotta dal dottor Breda, e neurochirurgia, condotta nella persona del dottor Giorgio Stevanato: le tre sezioni hanno cooperato per risolvere l'operazione

Un'importante arteria malata, "incarcerata” e messa a rischio da una malformazione congenita delle prime coste della gabbia toracica: all'Angelo tre équipe specialistiche scoprono il problema, e intervengono insieme per via chirurgica, curando così il paziente da un aneurisma dell’arteria stessa e dai gravi rischi correlati.

Le analisi

«Abbiamo accolto in ospedale – spiegano il dottor Vittorio Dorrucci, Primario di Chirurgia Vascolare, e il dottor Cristiano Breda, Primario della della Chirurgia Toracica – un paziente presentatosi con seri problemi al braccio sinistro. Tra i sintomi, allarmanti, erano presenti diversi fenomeni di microembolismo all’arto. Nel quadro delle indagini eseguite per individuare la causa del problema, è stata condotta una tomografia computerizzata spirale del collo e del torace con mezzo di contrasto, completata da ricostruzioni tridimensionali, che ha evidenziato la presenza di un aneurisma dell’arteria succlavia sinistra. Eravamo di fronte, quindi, ad una dilatazione patologica di questa arteria che porta il sangue al braccio, dilatazione potenzialmente grave e pericolosa, e causa delle manifestazioni cliniche del paziente».
L’origine di questa problematica vascolare veniva individuata in una malformazione congenita complessa delle prime coste della gabbia toracica sinistra, che a loro volta avevano alterato il percorso normale dell’arteria succlavia, determinando nel tempo la grave dilatazione  patologica del vaso sanguigno.

L'operazione

Considerata la particolare sede della patologia, visto anche il passaggio, in quella sede, di diverse e delicate altre strutture nervo-vascolari, per risolvere il problema è stato necessario pianificare un delicato intervento chirurgico con carattere multidisciplinare. «Si trattava di andare ad affrontare chirurgicamente – sottolinea il dottor Breda – sia l'aneurisma dell'arteria, sia la malformazione delle prime costole che avevamo individuato come causa dell'aneurisma». La programmazione quindi dell’intervento ha richiesto la presenza di tre differenti équipe chirurgiche: una di chirurgia vascolare, condotta dal dottor Dorrucci, una di chirurgia toracica condotta dal dottor Breda, e una di neurochirurgia, nella persona del dottor Giorgio Stevanato. La condivisione delle tre competenze specialistiche ha consentito di affrontare e risolvere il problema in maniera completa: il neurochirurgo ha infatti operato per isolare accuratamente e in sicurezza i nervi del plesso brachiale; il chirurgo toracico ha poi isolato il segmento di arteria succlavia malata asportando il suo tratto aneurismatico, consentendo così di rimuovere e rimodellare il tratto aberrante delle  prime coste che determinavano l’alterato transito; successivamente il chirurgo vascolare ha potuto ricostruire mediante un by-pass di tipo protesico il tratto di arteria succlavia asportato, ripristinando il corretto flusso sanguigno al braccio. Il tutto è stato eseguito, in più, senza la sezione della clavicola, che molte volte in casi come questo è necessaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Team multidisciplinare

Il paziente è stato quindi dimesso dopo pochi giorni guarito dall’insidiosa patologia vascolare. «Ancora un intervento complesso - sottolinea il Direttore Generale dell'Ulss 3 Serenissima Giuseppe Dal Ben - che è stato brillantemente gestito grazie alle specifiche competenze specialistiche presenti nell’ospedale di Mestre. Questi casi non possono essere affrontati senza l'intervento di un team multidisciplinare specialistico dedicato, caratteristica ormai radicata come valore aggiunto all’Angelo, vero ospedale HUB al servizio del territorio vasto».  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Vishing, la truffa che "svuota" il conto corrente: tre denunce

  • Coppia di turisti aggredita e picchiata da una baby gang a Campo Santa Margherita

  • Un festival del cicchetto a Mestre: «Tradizione gastronomica, offerta turistica di qualità»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento