menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giro di vite sull'immigrazione clandestina: raffica di arresti, denunce e espulsioni

Il servizio interforze è stato eseguito nella giornata di giovedì tra Venezia e Mestre. Nove in tutto le denunce. Gestore di un locale trovata in possesso di tirapugni e teaser

Obiettivo mettere ko l'immigrazione clandestina. E a giudicare dai numeri, i servizi messi a punto nel pomeriggio di giovedì nel centro storico di Venezia, nonché a Mestre e Marghera, coordinati dai commissari capo Giovanni Olmi e Luca Miori, hanno dato i risultati sperati. Le zone maggiormente setacciate sono state la stazione ferroviaria di Mestre, il quartiere Piave, Parco Albanese, via Cappuccina, piazzale Bainsizza, via Trento, via Dante, parco Piraghetto, via Monte San Michele, piazza Mercato, via Fratelli Bandiera e piazzale Emmer. All’attività ha preso parte personale della polizia di stato, dell’Arma dei carabinieri, della guardia di finanza e della polizia locale di Venezia, anche con un’unità cinofila specializzata nella ricerca di stupefacenti.

In tutto sono state controllate 89 persone, di cui 77 di nazionalità straniera. Nella fattispecie è stato arrestato P.G., 56enne italiano  per reati in materia di stupefacenti, mentre 9 sono state le denunce totali. Un uomo di nazionalità tunisina, R.M. di 40 anni, è stato denunciato per false attestazioni a pubblico ufficiale sulla propria identità. Due pusher originari del Gambia e della Guinea, invece, sono stati sorpresi all’interno di un locale pubblico in possesso di marijuana e denunciati per possesso ai fini di spaccio.

La titolare di un locale pubblico, invece, è stata deferita all'autorità giudiziaria poiché trovata in possesso di un tirapugni, un teader e uno sfollagente telescopico. Un cittadino romeno è stato invece denunciato perché non in regola su suolo italiano, mentre tre cittadini romeni poiché, in barba alle disposizioni del questore, si aggiravano per il comune di Venezia nonostante il divieto di farci ritorno. Nel complesso, sono state 5 le espulsioni dal territorio italiano, 39 i grammi di marijuana sequestrati, per un totale di 22 dosi pronte per essere smerciate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento