Grossa operazione antidroga: 25 misure cautelari, sequestri per 7 milioni di euro

Un «gruppo criminale strutturato». Importazione e smercio di grosse quantità di cocaina, marijuana e hashish. Settantacinque in tutto le perquisizioni

Un cartello della droga con a capo due o tre cellule principali che avevano conquistato il monopolio dello spaccio di stupefacenti a Chioggia. Questa mattina i carabinieri della compagnia clodiense, supportati dai colleghi dei comandi provinciali interessati, hanno arrestato 25 persone (22 italiani, 1 ucraino, 1 marocchino e 1 sloveno) nelle province di Venezia, Padova, Treviso, Rovigo, Ferrara e Torino per spaccio di stupefacenti in concorso. Di queste, 18 sono finite in carcere, 5 ai domiciliari, mentre per 2 è scattato il divieto di dimora. Parallelamente alle misure cautelari disposte dal gip Andrea Battistuzzi, i militari della guardia di finanza hanno sequestrato proprietà e titoli per circa 7 milioni di euro, corrispettivo del profitto della fiorente attività di spaccio, eseguendo perquisizioni in 75 abitazioni e proprietà degli indagati e dei familiari più stretti.

«Servirebbe uno tsunami per spazzare via tutta la cocaina da Chioggia»

Smantellata banda dedita allo spaccio

Tsunami, questo il nome della maxi indagine dei militari dell'Arma, è partita nel settembre 2017 a Chioggia e ha permesso di riscontrare un alto consumo di stupefacenti in città, nonché di acquisire elementi indiziari nei confronti di un gruppo criminale ben strutturato dedito all’importazione e allo smercio di ingenti quantitativi di droga. Il volume d'affari stimato è di oltre 70 chili di cocaina, 150 di marijuana e 30 di hashish. Nel corso degli accertamenti, i militari avrebbero rilevato la presenza di un bacino di almeno 150 acquirenti residenti a Chioggia e nelle province di Venezia e limitrofe.

Racket familiare

La banda era formata in particolar modo da nuclei familiari che si approviggionavano dalla Slovenia e stoccavano poi lo stupefacente in magazzini. I militari del Gico della guardia di finanza, sulla base dei risultati investigativi dei carabinieri, hanno ricostruito i flussi finanziari legati al traffico di droga; accertamenti che hanno riguardato 100 persone, molte delle quali con disponibilità patrimoniali sproporzionate rispetto a quanto dichiarato al fisco. Le indagini si sono focalizzate in numerose attività economiche e assetti societari collegati agli indagati; anche a Tenerife, dove i militari hanno potuto operare ricorrendo all'Ordine di indagine europeo emesso dalla procura di Venezia. Il patrimonio complessivamente ricostruito ammonta a circa 7 milioni di euro, tra beni mobili, immobili, quote societarie e conti correnti bancari.

Un militare dell'esercito tra gli arrestati 

Tra gli indagati finiti agli arresti domiciliari c'è anche S.F., 44enne, nato a Padova e residente nel Trevigiamo. L'uomo, un sottoufficiale dell'esercito, è ritenuto dagli investigatori uno dei clienti che si rifornivano dalla banda, che poi rivendeva la cocaina. È stato seguito dagli uomini dell'Arma che hanno anche ascoltato alcune conversazioni, nelle quali il 44enne faceva riferimento ai quantitativi di droga da acquistare dai due vertici del gruppo (che erano i fornitori dei piccoli pusher). In totale avrebbe comprato circa tre etti di cocaina, che secondo le indagini avrebbe poi rivenduto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Zaia: «Grazie a magistrati e uomini in divisa»

«Una giornata radiosa per la legalità. Grazie e complimenti alla procura della Repubblica di Venezia e a tutte le forze dell'ordine per aver sferrato un colpo da ko a un ramificato sistema di seminatori di morte. Non è il primo, e non sarà l’ultimo, perché con inquirenti, carabinieri, poliziotti, finanzieri così, la certezza è che altre vittorie contro il malaffare continueranno ad arrivare», con queste parole il presidente della regione Luca Zaia si è voluto complimentare con i militari per il risultato della maxi operazione Tsunami. «Mai come in questo caso - ha aggiunto il governatore - si può parlare di maxi operazione, condotta con la solita maestria. Un ringraziamento vada ai nostri bravi magistrati e a tutti gli uomini in divisa, vista anche l’enorme entità della droga maneggiata e i milioni di euro sequestrati oltre, naturalmente, alle tante custodie cautelari e perquisizioni effettuate».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Coronavirus, i numeri di oggi in Veneto e provincia di Venezia

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

  • Nicolò, «atleta e professionista in campo e nella vita». Il ricordo degli amici

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento