Cronaca

Ritrovati in Germania 2 preziosi dipinti rubati: erano stati sottratti a una famiglia veneziana

Indagini dei carabinieri tutela patrimonio culturale. Opere seicentesche del valore di 100mila euro. Una persona denunciata. Il furto risale al 2011, la banda era già stata smantellata

Erano stati trafugati nella casa di una famiglia nobiliare veneziana diversi anni fa, prima del 2011. Ora finalmente i dipinti tornano a casa grazie alle indagini portate a termine dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Venezia (TPC) e dell’Arma territoriale, coordinate dalla procura di Venezia. Le opere sono state individuate e sequestrate in Germania: si tratta di due olio su tela del ‘600 riconducibili al manierismo fiorentino e raffiguranti “Adorazione dei pastori” e “Anania guarisce la cecità”, del valore di oltre 100mila euro, rispettivamente attribuiti a Lazzaro Baldi (Pistoia 1623-1703), allievo di Pietro da Cortona, e a Niccolò Berrettoni (Macerata 1637 - Roma 1682), allievo di Carlo Maratta. Una persona è stata denunciata per ricettazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In vendita all'asta

Il ritrovamento trae origine da un controllo, nel 2016, al catalogo di una casa d’aste di Monaco di Baviera che aveva messo in vendita le due opere. La successiva comparazione con la banca dati dei beni rubati ha permesso di stabilire la corrispondenza dei dipinti con quelli sottratti a Venezia. Il furto era stato commesso da un’organizzazione criminale già smascherata nel 2011 a seguito di indagini condotte dal Nucleo operativo e radiomobile dei carabinieri di Mestre con l’ausilio del Nucleo TPC di Venezia.

Banda specializzata

All'epoca si era scoperto che cinque persone (due stranieri e tre italiani), approfittando dell’assenza dei proprietari, avevano asportato vari dipinti, sostituendo gli originali con delle copie contraffatte. I falsi, montati su telai e ricollocati nelle proprie cornici originali, erano stati anche ritoccati e anticati con colori, in modo da far percepire al tatto la sensazione della materia pittorica. A seguito della recente scoperta delle due opere rubate e portate all'estero, la procura della Repubblica di Venezia ha chiesto la collaborazione dell’autorità giudiziaria tedesca che, dopo aver acquisito le prove, ha disposto la restituzione al legittimo proprietario.

IMG_3145-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritrovati in Germania 2 preziosi dipinti rubati: erano stati sottratti a una famiglia veneziana

VeneziaToday è in caricamento