Cronaca

Cadenzamento dei treni: l'orario ufficiale uguale a quello "tedesco"

Trenitalia ha pubblicato le variazioni in vigore dal 15 dicembre. Le differenze con le tabelle "provvisorie" apparse su sito di Db sono minime

Dal 15 dicembre entreranno in vigore in via ufficiale, ma dei nuovi orari cadenzati penolari e amministrazioni cittadine non sapevano ancora nulla, almeno fino a ieri. Trenitalia ha infatti pubblicato solo giovedì mattina le nuove tabelle sul suo sito e, curiosamente, il cadenzamento corrisponde quasi alla perfezione con gli orari apparsi “per errore” nel sito delle ferrovie tedesche qualche giorno fa. Le ferrovie italiane avevano bollato la fuga di informazioni come una svista e avevano specificato che si trattava solo di numeri “provvisori” ma, come riporta il Gazzettino, sembra che i webmaster teutonici non abbiano sbagliato il colpo.

LE NOVITÀ – Stando a quanto apparso di prima mattina sul sito italiano appare evidente come, a 25 anni di distanza dal famoso protocollo d'intesa tra Regione Veneto e Fs si inizi a strutturare coerentemente il sistema Sfmr comincia a prendere corpo. La linea per Adria resta latitante, ma sono confermate le cadenze fisse per le quattro linee che si snodano dalla stazione di Venezia Mestre. I treni per Padova saranno i più numerosi: cinque all'ora, due dei quali regionali veloci; quattro le corse orarie per Treviso, tre da Noale a Scorzé (ma in questo caso è previsto un cambio) e due tra San Donà di Piave e la laguna.

LE POLEMICHE – Ovviamente i nuovi orari non hanno mancato di sollevare un prevedibile vespaio di critiche, d'altro canto Trenitalia sembra non aver fato molto per evitarlo, tappando occhi e orecchie di fronte alle richieste dei pendolari, delle amministrazioni e persino delle altre società di trasporto: Atvo lamenta la scarsa corrispondenza con i vecchi orari, cosa che si dovrà per forza di cose tradurre in un riarrangiamento delle corse dei bus per permettere all'utenza di raggiungere le coincidenze. I sindaci dei Comuni interessati si schierano poi fianco a fianco con i pendolari infuriati: in entrambi i casi, infatti, la mancanza di comunicazioni ufficiali da parte delle ferrovie italiane ha suscitato non poco fastidio e sono in tanti che, dopo aver visto che gli orari “ufficiali” corrispondono quasi in tutto e per tutto con quelli “provvisori” sul sito di Db, ora si sentono presi in giro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cadenzamento dei treni: l'orario ufficiale uguale a quello "tedesco"

VeneziaToday è in caricamento