Nuova ordinanza della Capitaneria di porto per i pescaggi

Dimensioni delle navi, maree e sicurezza a Porto Marghera. Le valutazioni caso per caso della Commissione accosti. Rilievi delle profondità e monitoraggio dei piloti e dell'Autorità portuale. L'ira della Filt Cgil: «Disposizione contro il lavoro»

Porto Marghera

Nuova ordinanza della Capitaneria di porto, martedì primo ottobre, per fissare altri limiti ai pescaggi delle navi a Venezia e Marghera (in relazione al peso imbarcato, alla grandezza dell'imbarcazione e altre variabili, influenzano la possibilità di navigare o meno, a seconda della profondità del fondale di transito, e l'ingresso nei porti), e ridefinire la navigabilità in deroga a quanto stabilito dalle disposizioni del 2106, dalle rettifiche del 2018 e dai provvedimenti del 2019.

La critica

Critico il sindacato Cgil Trasporti: «Un'ordinanza fatta contro il lavoro. Chiederemo alla Capitaneria un incontro immediato. Comprendiamo le ragioni della sicurezza e i valori dei rilievi dei fondali che possono essere alla base delle decisioni del ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Ma ci risulta, e stiamo verificando, che in porti come Genova e Fiume (in Croazia) la tolleranza sia maggiore, nonostante gli scogli sui fondali, quando i nostri essendo sabbiosi sono meno pericolosi. Ricordiamo che ogni 10 centimetri ridotti sono 100 container persi in entrata e uscita dal porto. Almeno mantenere i 12, al netto dello scalino del Mose, come piano regolatore portuale, consentirebbe di tenere e difendere il traffico che abbiamo e il lavoro. Mentre sulla partita gioca, e non poco, la valutazione dei Piloti».

Queste le riduzioni (tabella della Capitaneria):

Schermata 2019-10-01 alle 18.53.46-2

I limiti San Leonardo-Fusina

«Si è proceduto - si legge nell'ordinanza - alla temporanea riduzione degli ordinari valori di pescaggio massimo consentito per il transito delle navi lungo il canale Malamocco – Marghera, in attesa del completamento degli interventi urgenti per il ripristino delle quote batimetriche (misure delle profondità e rappresentazione cartografica dei fondali). Sono stati parzialmente revisionati – in aumento – i valori limite dei pescaggi del tratto di canale compreso tra la curva di San Leonardo e il terminal Fusina che, in relazione allo stato di avanzamento dei lavori e ai conseguenti rilievi di profondità, hanno fatto registrare un parziale miglioramento delle condizioni di sicura percorribilità, per le navi di larghezza non superiore a 36 metri».

La sicurezza

Nel 2016 è stata istituita la Commissione accosti del porto di Venezia composta da un rappresentante della Capitaneria di porto che la presiede e da un rappresentante di ciascuno dei servizi tecnico nautici (pilotaggio, rimorchio e ormeggio). «Tenuto conto del parere tecnico – nautico espresso dal capo pilota della corporazione estuario veneto, il 12 settembre 2019 - scrive la Capitaneria - si è ritenuto di adeguare alle variazioni registrate le temporanee limitazioni, a tutela della sicurezza della navigazione, tenuto conto che, fino al definitivo consolidamento delle casse di colmata a sud di Fusina, non può escludersi un ulteriore peggioramento delle condizioni minime di sicurezza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le valutazioni

Le manovre che impegnano l’ingresso e l'uscita di navi, in condizioni di pescaggio vicine ai valori indicati, saranno oggetto di specifiche valutazioni da parte della Commissione accosti, «tenuto conto della sicurezza della navigazione e delle caratteristiche strutturali, dimensionali, evolutive e tecniche delle navi, nonché del livello di marea in atto. Di questo sarà data comunicazione alla marittima di riferimento e al comando di bordo. Al fine di garantire - conclude la disposizione - la sicura percorribilità del canale Malamocco – Marghera, l’Autorità di sistema portuale farà rilievi, con cadenza almeno trimestrale, del tratto del medesimo canale tra il curvone di San Leonardo (compreso) e il bacino di evoluzione 4 (escluso). I risultati saranno messi a disposizione della Capitaneria di porto di Venezia». Oggi, mercoledì 2 ottobre, conferenza dell'Autorità portuale a Santa Marta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento