Cronaca

A Chioggia una doppia ordinanza comunale con ulteriori restrizioni per i locali

Una impone la chiusura degli shop con distributori di alimenti h24, l'altra fissa un massimo di due adulti per ogni tavolo nei plateatici. Il sindaco: «Sono preoccupato, serve senso civico»

Chioggia (foto d'archivio)

A Chioggia l'amministrazione ha deciso di inasprire ulteriormente le misure anti Covid con una doppia ordinanza firmata oggi pomeriggio dal sindaco Alessandro Ferro: la prima impone la chiusura dalle ore 22 alle ore 5 dell'attività di vendita degli apparecchi automatici effettuata in locali adibiti (i cosiddetti open shop h24); la seconda riguarda i plateatici dei locali pubblici: a partire da oggi «il consumo nell’area in concessione è consentito esclusivamente al tavolo e da parte di persone sedute, per un massimo per tavolo di due persone adulte con eventuali minori di anni 14»; inoltre «è fatto obbligo di indossare sempre dispositivi di protezione delle vie respiratorie, fatta eccezione esclusivamente per il tempo strettamente necessario alla consumazione dei pasti e delle bevande»; infine, «dopo le ore 18.00 il titolare dell’esercizio deve provvedere allo sgombero da parte degli avventori dell’area in concessione e deve accatastare i tavoli e le sedie in modo da non renderli più fruibili».

Contagi

Il sindaco Ferro ha spiegato: «Siamo a 354 positivi, + 139 rispetto ai numeri che avevo sabato. Solo questo dato, che è in crescita costante, dovrebbe essere sufficiente per capire che occorre buonsenso, che sembra mancare in alcune occasioni, come per il “rito” dell'aperitivo, che non coinvolge soltanto i giovani. Sono preoccupato, ho visto e mi arrivano decine di segnalazioni di assembramenti e ho deciso di prendere provvedimenti».

Comportamenti irresponsabili

Il sindaco ha spiegato che, per quanto riguarda i bar, «molte persone si dimostrano sorde ad ogni tipo di misura, anche semplice, come il corretto uso della mascherina o il distanziamento: è la conseguenza di un individualismo spinto, dove il singolo antepone se stesso a tutto il resto, anche alla salute». Queste due ordinanze, conclude il primo cittadino, «non sono contro i gestori e titolari delle attività, ma servono a porre l'attenzione di tutti sui comportamenti corretti da adottare e scongiurare occasioni di affollamento. I casi di positività sono in aumento, auspico che aumenti anche il nostro senso civico, per non ritrovarci in pochi giorni in area rossa».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Chioggia una doppia ordinanza comunale con ulteriori restrizioni per i locali

VeneziaToday è in caricamento