menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pesca, Orsoni snobba il sistema Gral della concessione aree: "Inefficace"

Il sindaco di Venezia condivide le richieste dei pescatori sulla volontà di trasparenza e di abbassamento dei costi: "Gestione poco remunerativa in termini di tempo e soldi. Eliminiamolo"

“Il Gral non ha portato quella semplificazione che ci si aspettava, ha appesantito i processi di gestione, si è dimostrata costosa rispetto l’esigenza di un maggior risparmio della spesa pubblica. Il Comune è disponibile a ripensare a questa struttura con il coinvolgimento diretto dei pescatori”. Così, il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, è intervenuto in occasione della seduta congiunta delle Commissioni consiliari  che ponevano il tema della “situazione di difficoltà della pesca in laguna”. Orsoni ha voluto intervenire per evidenziare “l’interesse dell’amministrazione verso un problema che, anche se non di diretta competenza del Comune di Venezia, si pone alla nostra massima attenzione”. Nelle parole del sindaco, il Gral, struttura di gestione unitaria delle aree demaniali della pesca in Laguna, sarebbe poco efficace: le concessioni rilasciate dal Magistrato alle Acque potrebbero essere affidate direttamente ad ogni singolo pescatore.

I pescatori – ha detto ancora Orsoni ai consiglieri – hanno tutte le ragioni nel chiedere trasparenza della gestione e di pretendere una riduzione dei costi. Pacatamente, e con Provincia e Regione che continuerebbero a fare la regia dei processi, è necessario mettere in discussione l’eliminazione di questo diaframma, nell’interesse di tutto il settore e della sua filiera”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento