Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca Mestre Centro / Via Ca' Marcello

La "nuova" clientela degli ostelli AO: studenti e lavoratori li scelgono per soggiorni lunghi

Sono più flessibili rispetto a una stanza o un appartamento in affitto. Al momento ci vive un centinaio di persone

Con la crisi del turismo legata alla pandemia molti alberghi hanno dovuto pensare a delle alternative per limitare i danni. Un esempio è la catena AO, che a Mestre gestisce due strutture nel "distretto degli ostelli" di via Ca' Marcello, vicino alla stazione ferroviaria: se ne era parlato molto perché l'AO era stato il primo ad aprire, nel 2017, seguito a ruota da molti altri. Per la maggior parte rivolti ad una clientela di giovani turisti che intendevano visitare Venezia.

Soggiorni lunghi

Con l'esplosione della pandemia le cose sono cambiate in modo imprevedibile. La catena, complessivamente, ha perso il 50% dei pernottamenti e nei due ostelli di Mestre, in particolare, è stato realizzato poco più del 15% del fatturato ipotizzato per il 2020. I due ostelli non hanno mai chiuso, eccetto quando era obbligatorio farlo. Hanno tenuto aperto a turno, 6 mesi ciascuno. I pochi ospiti arrivati avevano - e hanno - esigenze diverse e così la proprietà di conseguenza ha rimodulato l'offerta, offrendo soprattutto pacchetti per i long stay, soggiorni prolungati che vanno oltre le 14 notti.

Lavoratori e studenti

«Le persone - spiega il ceo di a&o Hotels and Hostels, Oliver Winter - cercano sistemazioni “ibride”, un posto dove potersi sentire come a casa, ma senza il vincolo di un affitto a lungo termine». Da diversi mesi, il 100% degli ospiti è composto dai long stay. Al momento sono più di 100 persone: dipendenti di aziende operanti nei cantieri navali, alla centrale elettrica e nel polo industriale di Marghera, ma anche studenti fuori sede, i quali hanno preferito l'ostello all'affitto di una stanza in appartamento. Uno dei benefici è il bar sempre aperto, con possibilità di consumare anche piatti caldi. Secondo Winter, questa modalità non terminerà con la fine della pandemia: «I soggiorni prolungati - dice - avranno per noi un importante ruolo anche in futuro».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La "nuova" clientela degli ostelli AO: studenti e lavoratori li scelgono per soggiorni lunghi

VeneziaToday è in caricamento