menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giovane di San Donà baratta il cellulare per un grammo di eroina

E' successo ieri pomeriggio a Padova. Il pusher, 26enne libico, è stato arrestato con l'accusa di spaccio di sostanze stupefacenti. Il ragazzo è stato segnalato come assuntore

Pur di avere in cambio una dose di eroina ha barattato il proprio cellulare con un pusher. Protagonista un 19enne veneziano di San Donà di Piave che ieri, nel tardo pomeriggio, è stato visto dai carabinieri in borghese mentre scambiava il proprio telefonino con uno spacciatore 26enne libico, Mohammed K.

IL BARATTO. La trattativa si è consumata a Padova lungo corso del Popolo, nella strada che collega la stazione al centro città. I militari dell'arma, impegnati in un servizio di osservazione e pedinamento antidroga, hanno notato l'uomo di origini magrebine che, con fare circospetto, dopo avere confabulato con il giovane, come da copione, gli ha ceduto qualcosa ricevendo qualcos'altro in cambio.


L'ARRESTO. Bloccati e perquisiti, i due sono stati trovati rispettivamente in possesso del cellulare e della dose da un grammo di eroina. Il 19enne è stato segnalato alla prefettura in qualità di assuntore di droga, il libico è stato invece arrestato e sottoposto a processo per direttissima con l'accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento