Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca Via dell'Artigianato

L'auto zeppa di rame, la casa piena di gasolio: padre e figlio denunciati

I due sono stati sorpresi sabato sera a Salzano con i cavi nel bagagliaio. La perquisizione domiciliare ha portato alla scoperta delle taniche

Le taniche sequestrate dai carabinieri

Nel loro bagagliaio nascondevano due matasse di rame da circa sessanta chili e da venticinque chili. Matasse stoccate in modo professionale, da gente abituata a maneggiare questo tipo di carico. Sabato sera padre e figlio moldavi, un 46enne e un 22enne, sono stati fermati per un controllo in zona industriale a Salzano dai carabinieri di Noale. L'atteggiamento nervoso degli occupanti ha indotto i militari ad approfondire i controlli. Poi la scoperta. E' possibile che la coppia, denunciata per ricettazione, fosse di ritorno da un furto appena perpetrato o che, più probabilmente, avesse appena ricevuto un carico da qualche banda specializzata.

Una ipotesi suffragata dal fatto che durante la perquisizione domiciliare dei carabinieri nell'abitazione dei due in via Calucci a Chirignago i militari abbiano scoperto sul retro della villetta, nascoste in un armadio, più di una decina di taniche di gasolio da venticinque litri ciascuna piene di gasolio. Totale quasi quattrocento litri di carburante con ogni probabilità proveniente da giri illeciti.

Vicino c'erano un'altra ventina di taniche di plastica vuote pronte per essere riempite con il prossimo carico. E' possibile che padre e figlio costituissero una sorta di "collettore" per batterie specializzate in questo tipo di furti. Un punto di riferimento per chi volesse rivendere la propria merce. Del resto in casa è stata sequestrata attrezzatura per estrarre carburante e attrezzi da scasso, come cacciaviti e piedi di porco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'auto zeppa di rame, la casa piena di gasolio: padre e figlio denunciati

VeneziaToday è in caricamento