menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In vendita la casa di Rousseau: due milioni e mezzo per acquistarla

Nell'appartamento di 280 metri quadri a palazzo Surian Bellotto abitò il filosofo, tra il 1743 e il 1744. Non lontano da Tre Archi, è in vendita da inizio estate

Non è una casa per tutti: l'appartamento in vendita a palazzo Surian Bellotto, 280 metri quadri a Cannaregio, Venezia, è di quelli da sogno. E non passa inosservato, sia per il prezzo di 2 milioni e 400mila euro, sia per il prestigio dell'edificio in cui si trova: perché qui, tra il settembre 1743 e l'agosto 1744, ha dimorato il filosofo, scrittore e musicista Jean Jacques Rousseau, al tempo segretario dell'ambasciata francese nella repubblica di Venezia. Come riporta il Gazzettino, l'appartamento è in vendita dall'inizio dell'estate sul sito idealista.it, in attesa che un "degno" acquirente si faccia avanti.

Le immagini che accompagnano la descrizione in rete mostrano il perfetto stato di conservazione di interni ed esterni, con tanto di lapide in ricordo del filosofo. "Nel cuore del bellissimo sestiere di Cannaregio - recita l'annuncio - davanti al ponte dei Tre Archi, offriamo in vendita questo prestigioso e luminosissimo piano nobile situato al primo piano di un palazzo storico Veneziano, ex ambasciata di Francia e dimora del celebre filosofo e musicista Jean Jacques Rousseau, che per anni fu al servizio del conte Montaigu, ambasciatore francese presso la Repubblica di Venezia. L'appartamento è stato risrtutturato di recente ed è composto da un grande salone affrescato con pavimenti realizzati con la tipica tecnica del terrazzo alla veneziana, un romantico balcone affacciato sull'acqua e sulla fondamenta sottostante, quattro eleganti camere da letto, una cucina abitabile, tre bagni e altri locali di servizio".

Il palazzo è uno dei più belli in rio di Cannaregio: costruito nel XVII secolo, è riconoscibile per le sue caratteristiche barocche e le dimensioni importanti. Dopo un lungo periodo di degrado, iniziato con la caduta della repubblica veneziana, finalmente è tornato agli antichi splendori con il restauro attuato nel Novecento: ora attende solo dei nuovi inquilini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento