rotate-mobile
Cronaca Mira / Via Riviera del Brenta

Il pane mai così caro, l'allarme degli artigiani della Riviera: «Costretti a chiudere»

Panificatori: «Alle stelle i costi di grano e farina, uniti al rincaro dell’energia: così non si può continuare». Chiesti aiuti allo Stato per non aumentare i prezzi. Riatto: «Gli enti locali tolgano le tasse su plateatici e pubblicità»

I panificatori artigiani della Riviera del Brenta lanciano un grido d’allarme. «Gli aumenti del grano e delle farina uniti al rincaro dell’energia ci costringono a alzare i prezzi o anche a chiudere i negozi se si va avanti così. Chiediamo aiuto allo Stato e agli enti locali. Ci diano un contributo ad hoc o taglino le tasse. Siamo pronti se le cose non cambieranno a organizzare con l’associazione azioni di protesta già nelle prossime settimane».

A dirlo è Denis Riatto, capo categoria dei panificatori per l’associazione Artigiani piccola e media impresa “Città della Riviera del Brenta”. I titolari di negozi e laboratori artigiani panificatori nel comprensorio della Riviera del Brenta sono una sessantina, oltre 30 iscritti all’associazione Artigiani. «La situazione per la nostra categoria - spiega Riatto - è perfino peggiore di quando infuriava la pandemia due anni fa e c’era il lockdown. Il prezzo del grano e delle farine a causa della guerra scoppiata in Ucraina è aumentato, in tanti casi raddoppiato. Abbiamo cercato di contenere i prezzi del pane con aumenti medi alla vendita di 30 centesimi al chilo. Abbiamo poi grossi problemi legati al costo del funzionamento dei forni che vanno a gas o a elettricità e le bollette che sono arrivate in questi ultimi mesi sono stratosferiche».

Riatto spiega che fino ad ora i panificatori della Riviera del Brenta stanno facendo di tutto per non far pagare alla clientela il costo dei rincari. «Abbiamo – dice – ridotto la nostra fascia di guadagno alzando i prezzi sui prodotti in modo limitato, ma così non può continuare. Servono aiuti specifici per le nostre attività che sono legate a un uso importante dell’energia con i forni. Serve poi anche la collaborazione degli enti locali tagliando dove si potesse le tasse sui plateatici e sulla pubblicità e affissioni». Da qui una constatazione. «Se continua così saremo costretti a chiudere – conclude Riatto. Nelle prossime settimane con l’ associazione Artigiani della Riviera per sottolineare questo grave momento di difficoltà siamo pronti ad organizzare incisive azioni di protesta».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il pane mai così caro, l'allarme degli artigiani della Riviera: «Costretti a chiudere»

VeneziaToday è in caricamento