rotate-mobile

Il corteo delle imbarcazioni tradizionali con la Pantegana in canal Grande

La festa continuata in Erbaria con la premiazione delle quattro barche più singolari: il gruppo di Murano con i Teletubbies, le donne Pierrot provenienti dal lago di Garda, una barca di Arzanà con l’equipaggio travestito da mazzo di carte e una gondola con il felze

Carnevale di Venezia: il corteo tradizionale acqueo ha attraversato il Canal Grande tra centinaia di palloncini colorati domenica mattina, dopo la parata “Original Dreamers” che sabato sera ha solcato le acque del canale con uno scenografico palcoscenico galleggiante. Un centinaio di imbarcazioni veneziane, addobbate e coloratissime, ha solcato le acque della via d’acqua più famosa al mondo trasportando la mitica “Pantegana” in cartapesta, che si è aperta davanti al ponte di Rialto sotto gli occhi di migliaia di spettatori. «Una meravigliosa parata con un popolo di oltre cento barche con a bordo più di 800 vogatori in costume. Tradizioni e colori si sono mescolati per dar vita a un evento meraviglioso», ha detto il direttore artistico Massimo Checchetto.

Canzoni tipiche veneziane hanno accompagnato il lento percorso del corteo, realizzato in collaborazione con il coordinamento delle associazioni Remiere di Voga alla Veneta, capitanate dalla Pantegana, lunga sette metri e simbolo del Carnevale popolare veneziano, che è scoppiata in uno sfavillio di coriandoli e palloncini biodegradabili. La festa è poi continuata in Erbaria, dove sono state premiate le 4 barche più singolari e meglio addobbate: un gruppo di Murano il cui equipaggio era vestito da Teletubbies (la serie televisiva per bambini creata dalla Bbc), un gruppo di sole donne vestite da Pierrot a bordo provenienti dal lago di Garda, una barca di Arzanà con l’equipaggio travestito da mazzo di carte e un premio alla tradizione per una gondola con il felze.

«È finalmente partito il Carnevale di Venezia 2023 con quella che, amiamo dire, è una parentesi puramente veneziana e con la Pantegana, la vera regina del Carnevale veneziano – ha commentato il consigliere delegato alla Tutela delle Tradizioni, Giovanni Giusto – siamo approdati a Rialto, dove più di 1600 anni fa è nato tutto e dove ha avuto inizio la storia della Serenissima». La manifestazione si è svolta in totale sicurezza, come spiega il direttore operativo di Vela spa Fabrizio D’Oria, articolandosi lungo il canal Grande e consentendo una distribuzione del pubblico omogenea, evitando chiusure e transennamenti.

Per tutta la giornata sono continuati anche gli spettacoli diffusi nei campi, nelle piazze e nelle strade di Venezia e Mestre. Il “Venice Carnival Street Show” ha invaso il centro storico e la terraferma con spettacoli diffusi di mimi, clown, attori, musicanti, trampolieri, maghi e affabulatori che hanno trasportato grandi e piccini nel mondo dell’arte di strada, della commedia, delle storie fantastiche, dei giochi, della musica. Dopo l’anteprima di questo primo weekend di Carnevale, gli spettacoli diffusi entreranno nel vivo sabato 11 e domenica 12 febbraio, e nei giorni della settimana grassa - da giovedì 16 febbraio a martedì 21 febbraio, dalle 11 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.

Video popolari

VeneziaToday è in caricamento