menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'ordinanza nella Pec non si apre: "Non sapevamo di dover chiudere il locale"

I gestori de Il Paradiso Perduto attaccano il Comune: "Comportamento abominevole. Abbiamo scoperto della decisione solo venerdì, a uffici di Ca' Farsetti chiusi. Niente ricorso"

Saracinesca abbassata fino a mercoledì, "perché gli uffici comunali nel fine settimana sono chiusi, e ci hanno informato solo venerdì pomeriggio dell'ordinanza". I gestori del locale "Il Paradiso Perduto" hanno deciso di sfogare tutta la propria frustrazione sia con un messaggio registrato che scatta al quinto squillo per chi tenta di contattare lo staff al telefono, sia attaccando un testo di carta sulla saracinesca. Che inesorabilmente non si è alzata nè durante il weekend, né lo farà durante i primi due giorni della settimana. 

"Purtroppo rimarremo chiusi fino a mercoledì 29 per ordinanza comunale a causa del solito tavolino in più sul plateatico - spiegano i titolari - Riapriamo mercoledì 29 e non abbiamo altro da dire. Siamo oramai abituati ai comportamenti incredibili del nostro Comune. Ce ne scusiamo con i clienti, l'informazione l'abbiamo avuta venerdì 24 sera e quindi non possiamo farci niente. Dobbiamo chiudere. I nostri clienti non meritano questo abominevole comportamento da parte di un'autorità comunale che non funziona. E se funziona è solo per fare male alla gente che lavora". 

Ciò su cui recriminano i titolari non è la sanzione in sé, ma il fatto di non avere avuto il tempo necessario per presentare ricorso. Nessuno infatti li avrebbe informati in anticipo: "E' stato solo grazie a un gentile vigile urbano - si legge nel messaggio lasciato sulla saracinesca - ad avvertire che l'esercizio deve rimanere chiuso". La comunicazione dell'ordinanza, stando a quanto dichiarato dallo staff, arriverebbe solo via mail formato pec. Niente raccomandata cartacea: "Qui viene il bello - si legge - la Pec non si apre. O meglio, non si apre il file con l'ordinanza di chiusura. E il diretto interessato quindi non ne sa nulla". La frittata è fatta: per cinque giorni non si lavora: "Il Comune non si preoccupa di chiudere da un giorno all'altro un'azienda con 22 dipendenti (tra cui molti giovani di Cannaregio laureati e con poca voglia di emigrare), senza verificare se il file della Pec funziona o l'ordinanza sia stata ricevuta. Vuol dire allora che hanno ragione gli inglesi - si conclude - Il senso civico l'hanno solo i cittadini, i politici pensano solo ai loro interessi".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento