menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si tuffa nella parte bassa del mare, 38enne rischia la paralisi

Un turista veronese se l'è vista brutta dopo essersi buttato dal pontile a Jesolo con una capriola. La sua testa ha battuto violentemente contro il fondale sabbioso. Il colpo ha lesionato una vertebra

Ha rischiato la paralisi per un tuffo nella parte bassa del mare. Un dramma che dovrebbe risolversi per il meglio per un 38enne veronese, ma che sul momento ha fatto temere sanitari e parenti. L'allarme è scattato domenica mattina, al lido a Jesolo, all'altezza della torretta 16. Un tuffo a capriola dal pontile, in seguito al quale l'uomo ha sbattuto violentemente la testa contro la sabbia del fondale. A notare l'incidente sono stati gli assistenti del salvataggio, che hanno tratto in salvo il 38enne sulla riva e hanno chiamato i sanitari del 118.

Immediato il suo trasferimento all'ospedale di Mestre una volta chiarita la lesione alla vertebra. Il 38enne, in vacanza a Venezia, sarà probabilmente sottoposto ad un intervento chirurgico ma i medici confessano che non dovrebbe correre rischi. Intanto, come riportano i quotidiani locali, il direttore generale dell'Asl 10, Carlo Bramezza, starebbe già pensando ad alcuni progetti per sensibilizzare i turisti sui pericoli di certe "prodezze" in mare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento