menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parcheggia male l'auto, brandisce una balestra e lo minaccia di morte

È successo a Spinea, giovedì pomeriggio. Motivo del contendere una vettura che ostruiva il passaggio davanti ad un supermercato di piazza Rosselli

Scene da far west in centro a Spinea. Come riporta la Nuova, sono quelle a cui dei passanti increduli hanno assistito giovedì pomeriggio, in piazza Rosselli, dove un uomo di origini albanesi avrebbe minacciato di morte un ragazzo, brandendo una balestra.

La vicenda, su cui stanno indagando i carabinieri, è ancora a tinte fosche. Secondo la testimonianza del ragazzo, tutto ha avuto origine davanti al supermercato A&O, quando, indispettito per una macchina che ostruiva il passaggio e dopo aver dato diversi colpi di clacson, è andato a cercare tra le corsie e i banchi frigo il proprietario del mezzo. L'albanese, indispettito, avebbe cominciato a strattonare e spingere il ragazzo, a suo volta infastidito dall sue legittime pretese. Per difendersi dall'aggressione, il giovane avrebbe dato una testata all'uomo, ricevendo poi le conseguenti minacce di morte.

Gli avrebbe urlato "tu sei un uomo morto", allontanandosi dal parcheggio e poi tornando poco dopo, con una balestra. E proprio con l'arma sarebbe andato all'interno del supermercato, con la gente visibilmente scossa, alla ricerca del suo "rivale". Non appena trovato, come reazione, gli avrebbe rifilato a sua volta una testata. Alcuni passanti hanno quindi chiamato i carabinieri, ma quando la volante dell'Arma è sopraggiunta, dell'uomo non c'era più traccia. I carabinieri in queste ore stanno esaminando le immagini delle telecamere di sicurezza del supermarket, per ricostruire i dettagli e identificare l'aggressore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento