Parlamento europeo contro il Passante. A rischio i project bond

Una risoluzione dell'assemblea ammonisce la Bei per il finanziamento dell'opera nonostante l'arresto dell'amministratore delegato

Il Parlamento europeo contro la Bei, la Banca europea degli investimenti. Come riporta La Nuova Venezia infatti, il 30 aprile scorso a Bruxelles è stata approvata una risoluzione che "deplora il fatto che la Bei abbia finanziato il tratto autostradale noto come Passante di Mestre dopo che le autorità italiane avevano pubblicamente annunciato l’arresto per frode fiscale dell’amministratore delegato del principale subappaltatore; invita la BEI, alla luce delle indagini ancora in corso da parte delle autorità italiane sullo scandalo di corruzione collegato alla costruzione e alla gestione del Passante di Mestre, a non finanziare il progetto in questione mediante l'iniziativa Prestiti obbligazionari o qualsiasi altro strumento finanziario e garantire l'attuazione della politica di zero tolleranza verso le frodi quando esamina l’utilizzo dei prestiti obbligazionari per il finanziamento dei progetti".

Il tema della discordia è quindi il Passante di Mestre e l'arresto dell'ex amministratore delegato della Mantovani Piergiorgio Baita. Diversi organi d'informazione europei hanno ripreso la notizia con toni non certo concilianti. "L’Europa chiude gli occhi sulla corruzione in Italia" ha titolato il francese Mediapart.

Nonostante il Passante sia tuttora in perdita, lo scorso anno ha beneficiato dei project bond proprio della Bei. Si tratta di un prestito a tasso agevolato con cui far fronte alle spese sostenute. Ora però la pressione del Parlamento europeo potrebbe far slittare l'erogazione dei project bond.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché Venezia era piena di gatti?

Torna su
VeneziaToday è in caricamento