menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Le campane suonano troppo forte", parroco di Salzano finisce a giudizio

A contestare il frastuono, dal 2010 a questa parte, un residente. Dopo aver cercato invano di convincere il prete ad abbassare i livelli di suono, è passato per vie legali

Il suono delle campane è troppo alto, parroco di Salzano finisce a giudizio. Come riporta il Gazzettino, don Paolo Cargnin dovrà presentarsi davanti al giudice monocratico di Venezia nel mese di novembre, dopo che un residente della zona ha deciso di rivolgersi ad un avvocato, querelandolo. Il motivo? L'uomo avrebbe chiesto a più riprese di suonare le campane ad un livello consono, attenendosi alle prescrizioni del vescovo di Treviso del 2011.

"IMPOSSIBILE RIPOSARE"

Non ottenendo riscontro, avrebbe quindi cercato di convincer il parrocco a zittire le campane almeno nelle prime ore del mattino: la solfa non sarebbe comunque cambiata. Di qui, quindi, il residente avrebbe deciso di passare per vie legali. Nel capo d'imputazione viene contestato a Cargnin di aver superati i livelli sonori previsti dalla legge, nonché di aver fatto durare il "frastuono" troppo a lungo. Il querelante avrebbe spiegato che la spiacevole circostanza si protrae dal 2010, con rumori costanti che impedirebbero sia il riposo, sia il normale svolgimento delle occupazioni casalinghe.

"PALLA" AL GIUDICE

A seguito della querela, è stata fatta una perizia per accertare se effettivamente il suono delle campane superasse o meno i livelli imposti per legge. La palla passerà ora al giudice: per il disturbo della quiete pubblica il rischio è di essere multati per 309 euro o di finire in carcere per tre mesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento