menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un passaggio in gondola che vale un gonfalone, consegnato dal presidente Zaia

Il governatore ha espresso così la sua gratitudine a Lino Garbisi che il 3 gennaio ha soccorso e accompagnato una ragazza con difficoltà motorie. "Loro sono l'anima della città"

Un gesto di generosità che vale la consegna di un riconoscimento direttamente dalle mani del presidente della Regione, Luca Zaia. Il governatore ha donato il gonfalone marciano a Lino Garbisi, martedì mattina al Balbi. Egli, il 3 gennaio scorso, ha spontaneamente soccorso e accompagnato in gondola in stazione Chiara Collot di Conegliano, una ragazza con difficoltà motorie. “I nostri gondolieri non solo un taxi acqueo, ma l’anima della città e i primi ambasciatori della storia e dei valori di una repubblica millenaria unica al mondo”, ha sottolineato Zaia. Gonfalone anche ad Aldo Reato, presidente dell’associazione che rappresenta i 433 gondolieri di Venezia.

Gondoliere generoso, passaggio gratis a una disabile

Commozione del papà di tre figli

Emozionato il gondoliere Lino, maglia a righe d’ordinanza, accompagnato dalla moglie Sara e dai figli Leonardo e Andrea, orgogliosi e divertiti nel reggere il gonfalone, ha ammesso di non ancora metabolizzato lo stupore per tanta notorietà. “Per me e per tutta la categoria questi sono quasi gesti quotidiani – ha ricordato –. Mi è capitato tante volte di dare un passaggio ad anziani, bambini in lacrime, disabili. Lo facciamo senza farci pubblicità, in fondo sono gesti naturali e spontanei in una città dove ci si conosce tutti, dove i bambini vanno a scuola da soli e le mamme ce li affidano per attraversare il canal Grande. Sarà forse perché sono papà di tre figli e perché sono un allenatore di calcio di squadre di adolescenti al Lido e a Sacca Fisola, ma ho sempre avuto a cuore i più piccoli, specie se in difficoltà”.

In segno di gratitudine e di amicizia, Reato e Garbisi hanno donato al presidente del Veneto la maglia a righe bianco-blu dei gondolieri, consegnandogli anche una felpa e un cappellino dell’Associazione gondolieri per la quindicenne Chiara e mamma Katia. Da casa Collot, a Conegliano, hanno già fatto sapere che il gondoliere Lino e la sua famiglia sono ospiti desiderati e attesi. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento