rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca Mestre Centro / Piazza Erminio Ferretto

Il Patriarca fa appello alla politica: "Guardate al bene comune"

Monsignor Moraglia invita i rappresentanti del governo a non limitarsi a "contare i voti", ma a guardare quello che è importante per i cittadini

Una comunità che non persegue il bene comune “ha già, implicitamente, condannato i suoi membri più fragili ad essere soggetti 'di serie B' per non parlare di quando il non aver perseguito il bene comune causa il mancato riconoscimento dei diritti fondamentali della persona”. Lo sottolinea il Patriarca di Venezia, monsignor Francesco Moraglia, in un passaggio della terza lettera alla diocesi che sarà letta lunedì sera nel Duomo di Mestre e di cui è stata data anticipazione dall'Ansa.

PASSAGGI FONDAMENTALI - “Quindi la politica - prosegue Moraglia - diventa la grande protagonista perché è la sola in grado di dare risposte capaci di affrontare il problema”. Dunque, per il Patriarca di Venezia, la funzione di una vera politica “consiste nel conciliare, in modo vero e secondo giustizia, i beni particolari e quello generale”. E la strada di chi, politicamente, ha il compito di realizzare il bene comune “non può limitarsi a rispettare una pur imprescindibile condizione della vita democratica, ossia l'operare secondo quanto stabilito dalla maggioranza”. “E' essenziale per una vera democrazia - osserva - non ridursi unicamente a calcolare il numero dei voti, ma fare in modo che quanto stabilito dalla maggioranza sia espressione del bene effettivo e di tutte le persone, tutelando anche le minoranze”. Infine, per Moraglia, “il bene comune va poi considerato in un contesto sovranazionale: è una questione, oggi, sempre più attuale e urgente per le implicazioni a livello di geopolitica”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Patriarca fa appello alla politica: "Guardate al bene comune"

VeneziaToday è in caricamento