menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crepe e pavimentazione sollevata al Sarpi: "Nessun allarme, solo usura del tempo"

Nella giornata di mercoledì l'intervento di vigili del fuoco e tecnici della Città metropolitana nell'istituto. Dai riscontri effettuati non ci sarebbero problemi strutturali

Le vacanze di Natale saranno impiegate per riportare l'agibilità nella struttura. Nello specifico, i lavori riguarderanno la pavimentazione del secondo piano dell'istituto scolastico Scarpi di Venezia, dopo che nella giornata di mercoledì si è sollevato nel vero senso della parola un tratto di circa cinque metri quadrati di pavimentazione. Quella che sembrava una prova anticendio con tanto di vigili del fuoco nel corso della mattinata, con gli studenti invitati a lasciare l'edificio, si è rivelata la conseguenza di un problema ben più grosso, esteso anche ad una porzione di una classe del Benedetti, al primo piano.

Il problema: l'usura del tempo

Per valutare la situazione sono intervenuti i tecnici della Città metropolitana e una squadra dei vigili del fuoco, che dopo tutte le analisi del caso escluso danni di tipo strutturale alla scuola. La natura del problema starebbe nella generale situazione di usura della pavimentazione, che risale agli anni '30. Già nel corso degli scorsi mesi erano stati eseguiti dei lavori in questo senso, e altri interventi saranno programmati per le prossime settimane per sanare analoghe situazioni presenti all'interno dell'edificio. Per il momento l'area del corridoio rimarrà interdetta all'uso, senza impedire la circolazione dei ragazzi. I lavori di rimozione sono invece programmati durante le vacanze natalizie, con la posa della nuova pavimentazione nel corso di gennaio.

"Programma di ristrutturazioni"

"Da quando ci siamo insediati in Città Metropolitana - commenta il consigliere delegato Saverio Centenaro - abbiamo avviato un puntuale lavoro di ristrutturazione e manutenzione dei nostri istituti scolastici. Un percorso che ci ha portato a spendere fino ad oggi circa 5 milioni di euro e a investirne per i prossimi anni altri 12. Ciò a dimostrazione che per noi è fondamentale pensare che i nostri giovani si formino in strutture che siano quanto più possibile sicure e dove sia costante quell'opera di manutenzione che, non sempre nel passato, è stata fatta".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento