Conclusi i lavori della piattaforma del tram, M5S: "E' una ciofeca"

Sabato mattina rimosse transenne e barriere del cantiere di piazzale Roma. L'ultima parola su colore e linee è stata della Soprintendenza

Foto Davide Scano (Facebook)

La piattaforma del tram è stata liberata da transenne e coperture per permetterne la costruzione. Sabato mattina, dunque, la controversa opera nel bel mezzo di piazzale Roma si è mostrata alla vista di tutti i pendolari e turisti che sono transitati per il terminal automobilistico. Per quanto riguarda i visitatori che arrivano da altre città poco male, non sapevano della novità. Per quanto riguarda i veneziani, invece, è stato subito un ribollire di polemiche. In prima linea contro l'opera ultimata in vista dell'inizio del servizio di trasporto pubblico del siluro rosso in laguna ci sono i rappresentanti del Movimento Cinque Stelle.

L'ex candidato sindaco Davide Scano, che il 2 luglio siederà in Consiglio comunale per la prima seduta del parlamentino locale, esprime una sonora bocciatura sul proprio profilo Facebook: "Un finto container in acciaio, sospeso a mezz'aria e lungo ben 32 metri - dichiara - ecco la pensilina da 150 mila euro più IVA che gli ottimi amministratori di Pmv hanno progettato per il capolinea del tram. Non c'è stata alcuna condivisione della scelta con i cittadini e i due ex assessori competenti per materia (Ugo Bergamo e Alessandro Maggioni), da buoni democristiani, si sono dichiarati del tutto estranei alla ciofeca".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A definire colore e linee, come più volte spiegato dai vertici di Avm, è stata la Soprintendenza, con l'intenzione di riprendere gli elementi architettonici della cittadella della giustizia, situata a poche decine di metri di distanza. Impossibile tornare indietro. Qualche settimana fa, prima di lasciare il proprio incarico, il subcommissario alla Mobilità Natalino Manno spiegò infatti che una eventuale rimozione dell'opera potrebbe configurare anche un possibile problema con la Corte dei conti. Insomma, la piattaforma rimarrà così com'è. Destinata, volenti o nolenti, a diventare una realtà con cui migliaia di persone avranno a che fare ogni giorno.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Polemiche su tre consiglieri leghisti per la richiesta del bonus Inps da 600 euro

  • Chiusura del raccordo da Venezia verso la tangenziale di Mestre

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento