rotate-mobile
Cronaca San Marco / Piazza San Marco

La regata del Redentore rimane com'è: "Nessun nuovo percorso"

Ad annunciarlo è l'assessore alle Tradizioni Roberto Panciera che ribatte ad alcune ipotesi su un percorso "ad anello" più visibile dalle rive

Rimane inalterato il percorso della regata del Redentore. E' quanto ha reso noto l'assessore comunale alla Promozione della città, delle sue Tradizioni e Manifestazioni storico culturali Roberto Panciera.

“L’idea di predisporre un nuovo percorso per la regata - ha dichiarato - ritenuto, a torto o a ragione, più idoneo alla visibilità da parte del pubblico non proviene da questo assessorato, bensì è frutto di iniziative di singoli all’interno dell’Associazione dei Regatanti. Non esiste pertanto alcun atto di proposta formale. Va detto comunque che ogni innovazione va calibrata e condivisa da amministrazione, Associazione Regatanti e territorio".

REDENTORE 2013, TUTTI GLI EVENTI

L'idea lanciata da alcuni membri dell'Associazione Regatanti era un percorso “ad anello”. Un percorso quindi che, eliminando il tratto dallo Stucky a San Giorgio in Alga, che nessuno poteva seguire da terra, prevedeva un giro del paletto in Marittima, il ritorno lungo le Zattere (anche per motivi di corrente), la risalita del Ponte Votivo - che ci si augura essere gremito di persone per seguire la gara - e l’arrivo al Ponte Lungo. Un percorso ad anello com’era una volta, con le barche al centro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La regata del Redentore rimane com'è: "Nessun nuovo percorso"

VeneziaToday è in caricamento