menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cade in acqua ma il peschereccio se ne va lasciandolo tra le onde

Un pescatore chioggiotto salvato in extremis giovedì. I membri dell'equipaggio si sono accorti in ritardo dell'assenza. Era in ipotermia

Cade in acqua e ci rimane per un bel po'. Rischiando veramente grosso. Momenti di paura giovedì pomeriggio per un pescatore chioggiotto salpato dalla città clodiense a bordo di un peschereccio con altri quattro colleghi dell'equipaggio. A circa otto miglia dalla costa, però, l'inconveniente. Il 36enne alle 14 stava effettuando dei lavori a poppa quando, a un certo punto, è scivolato in acqua.

Nessuno dei compagni, però, si è accorto di nulla e l'imbarcazione ha continuato la propria rotta come se niente fosse. L'uomo quindi è rimasto in balia delle onde, immerso nell'acqua gelida di inizio dicembre. Solo dopo circa quaranta minuti i pescatori si sono accorti che uno di loro manca all'appello. Lanciando l'allarme.

Il peschereccio quindi ha percorso a ritroso l'itinerario precedente, trovando (per fortuna) senza troppe difficoltà il pescatore finito in acqua. Lo stesso poi è stato trasportato al pronto soccorso da una motovedetta della capitaneria di porto. Per il 36enne, infatti, già sintomi di ipotermia. Dopo alcune ore in osservazione all'ospedale (e tanta paura) il pescatore ha finalmente potuto fare ritorno a casa. Al momento del ritrovamento si era appena alzato in volo un elicottero dei vigili del fuoco, pronto a proseguire le ricerche anche dall'alto nel caso si fosse reso necessario.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento