Cronaca San Marco / Piazza San Marco

Pescatori di Chioggia incatenati a San Marco: "Non ci aiuta nessuno"

Una ventina di vongolari hanno protestato contro la morìa di molluschi dell'estate scorsa: "Altro che caldo super, è tutta colpa del Mose"

I pescatori incatenati

La protesta da Chioggia è arrivata fino a piazza San Marco. Incatenati per chiedere un futuro. Una ventina di pescatori della città clodiense stamattina si sono incatenati alla base della colonna del leone in piazza San Marco. Tra i cartelli della protesta "Da pescatori a allevatori, da allevatori a disoccupati". Nel mirino, infatti, finisce la morìa di vongole che l'estate scorsa ha falcidiato il loro raccolto. Una vicenda che si trascina da mesi, poiché i pescatori ritengono di essere stati danneggiati dai lavori di scavo in corrispondenza dei cantieri del Mose, il Magistrato alle acque e la Provincia, però, controbattono che il fenomeno si sia verificato per il caldo eccezionale di giugno, luglio e agosto 2012, che avrebbe determinato una gravie situazione di anossia (mancanza di ossigeno) "fatale" per le vongole.

A ottobre scorso l'avvocato romano Gianfranco Jacobelli, in rappresentanza di una trentina di consorzi di pesca di Chioggia e Pellestrina, presentò un esposto in Procura per danno ambientale. Il legale ha consegnato una lunga documentazione sui due anni di pesca appena passati argomentando che in passato c'erano stati periodi di caldo più lunghi e intensi degli ultimi, e che la morìa non si era verificata.

"I pescatori denunciano un muro di gomma contro cui si sono dovuti scontrare in questi mesi - spiega Federcontribuenti in una nota - né dal Magistrato alle acque, né dalla Provincia è arrivato cenno per eventuali risarcimenti o almeno una moratoria sui canoni di concessione del braccio di laguna danneggiato".

"Siamo in una situazione paradossale, con lo Stato rappresentato in questo caso dalla Provincia di Venezia, che da una parte è causa dei guai di questi pescatori e dall'altra, nonostante sia stato chiesto più volte un incontro con la presidente Francesca Zaccariotto, è sordo alle istanze dei lavoratori del mare - attacca Marco Paccagnella, presidente di Federcontribuenti - chiediamo l'apertura urgente di un tavolo di confronto che prosegua a oltranza fino a che non si troverà una soluzione. Perché su quelle voèngole vivono settanta famiglie".

IL VIDEO DEI PESCATORI INCATENATI (YOUREPORTER)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescatori di Chioggia incatenati a San Marco: "Non ci aiuta nessuno"

VeneziaToday è in caricamento