menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio dei controlli di polizia in campo Santa Margherita

Foto d'archivio dei controlli di polizia in campo Santa Margherita

"Gli spacciatori del campo lo colpivano a calci in faccia e bottigliate in testa"

Rebwar, il pizzaiolo 26enne picchiato venerdì in campo Santa Margherita assieme a un amico, racconta il pestaggio: "Erano una decina. Quelli spacciano e fanno ciò che vogliono"

"Devo andare dal mio amico, che sta male. Ho poco tempo". Parla di fretta Rebwar, il pizzaiolo 26enne picchiato venerdì sera in campo Santa Margherita a Venezia assieme a un suo connazionale 27enne. "Erano una decina, tutti di colore - racconta - sono i soliti che spacciano nel campo. Sempre loro". Parole simili alla collega della pizzeria "Al Volo" che sabato ha raccontato l'accaduto: "Non è una novità. Sono violenti e fuori controllo", aveva sottolineato la donna. 

"MI SONO BARRICATA DENTRO LA PIZZERIA", LA CRONACA DEL PESTAGGIO

Con il passare delle ore si fa sempre più chiara la gravità dell'accaduto: il 27enne, studente a Ca' Foscari che si trovava nella pizzeria solo per mangiare un trancio, amico del pizzaiolo, nella notte tra venerdì e sabato è stato operato alla testa per un'emorragia cerebrale. Ora è fuori pericolo, ricoverato nel reparto di Neurochirurgia dell'Angelo di Mestre: "Parla a fatica, ieri non riusciva ancora ad aprire l'occhio pesto - racconta l'amico Redwar, picchiato a sangue anche lui dal "branco" - per alcune ore abbiamo temuto il peggio quella notte. Il mio amico stava molto male. Ci hanno colpito a calci e pugni, a lui hanno spaccato anche delle bottiglie di vetro in testa". 

Tutto inizia nella serata di venerdì. A un certo punto entrano due persone di colore nella pizzeria e si servono prendendo delle birre. Rebwar, il pizzaiolo, li vede e intima loro di pagare: "Volevano rubarle, quindi li ho rimproverati - racconta - per questo hanno iniziato a lanciare lattine e a far danni. Poi ci hanno preso e trascinato fuori, picchiandoci. Sono arrivati i loro amici. Prima erano in due, poi in sei, poi una decina". Partono i calci e i pugni: "Il mio amico, a terra, l'hanno raggiunto con delle pedate al volto, spaccandogli le bottiglie in testa - continua Rebwar - io oggi continuo ad avere un forte dolore al braccio". All'appello manca anche lo zaino del 27enne, ancora in ospedale: "Dentro aveva un tablet e altri oggetti - racconta il pizzaiolo - non l'hanno più trovato. Sono stati loro a prenderlo. Sono stato con lui tutto il pomeriggio di sabato, non riesce ancora a parlare bene".

Quindi oltre al pestaggio si configura anche un possibile reato di rapina per gli aggressori, scappati prima dell'intervento delle forze dell'ordine. A terra il ferito più grave e il sangue. Entrambe le vittime della furia (insensata, visto che è scattata per una birra non pagata) vengono trasferite al pronto soccorso del Civile, dopodiché il 27enne viene portato in codice rosso all'Angelo di Mestre: ha un'emorragia e deve essere operato. Colpa dei traumi subiti alla testa: calci, pugni e bottigliate. "Ci insultavano e ci deridevano. Poi ci colpivano - conclude il pizzaiolo - la mia collega si è chiusa dentro la pizzeria. Spacciano e fanno quello che vogliono. Ora non riesco a muovere il braccio. Ma non ho tempo, devo andare in ospedale che c'è chi sta peggio di me". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento