Cinque nuovi pianini in centro storico

Sono stati approvati ieri a Ca' Farsetti dalla giunta comunale. Insisteranno su fondamenta di Misericordia, di Ormesini, Capuzine-Coletti, de la Sensa e Campo de la Carità

A Venezia sorgeranno altri 5 pianini. Ad approvare le nuove pianificazioni del centro storico è stata la giunta, riunitasi ieri, 19 novembre, a Ca' Farsetti, d'intesa con la Soprintendenza per i beni architettonici e la regione Veneto. Nello specifico, i pianini insisteranno su Fondamenta di Misericordia, Fondamenta di Ormesini, Fondamenta Capuzine-Coletti, Fondamenta de la Sensa e Campo de la Carità. Proprio in quest’ultimo caso si è arrivati ad una soluzione condivisa per la sistemazione dei chioschi, prevedendo il loro inserimento nell'area verde opportunamente riqualificata.

La nuova pianificazione

Per le fondamente di Cannaregio si è cercato di trovare un equilibrio tra le richieste degli esercenti e le esigenze dei cittadini che abitano nella zona. Come per tutte le altre aree pianificate sarà ora possibile per gli uffici procedere ad adeguare e rilasciare le concessioni che permetteranno agli operatori di lavorare per i prossimi cinque anni. «Con questa delibera procediamo con il progetto di riorganizzazione degli spazi pubblici. - ha commentato l'assessore alla Gestione del patrimonio Renato Boraso - Si tratta di un penultimo stralcio che, come nella pianificazione delle precedenti aree, cerca, in accordo con la Soprintendenza, di contemperare le esigenze delle attività economiche stabilmente insediate sul territorio con quelle imposte dalle norme a tutela dei beni paesaggistici e culturali, nonché con le regolamentazioni in tema di viabilità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché Venezia era piena di gatti?

Torna su
VeneziaToday è in caricamento