rotate-mobile
Cronaca

Pioggia e maree, i fiumi del Veneziano al limite anche sabato

Non smette di accanirsi il maltempo. A 24 ore dall'allerta i corsi d'acqua continuano a preoccupare. Esondazioni in parte del Veneto orientale

I fiumi fanno paura. In quasi tutta la provincia. Se in centro storico, infatti, si continuano a fare i conti con l'acqua alta, tra Portogruarese, Veneto orientale e Miranese sono tanti gli argini che piano piano si stanno "assottigliando" sempre più. Anche sabato la situazione appare al limite. Anche peggio rispetto a 24 ore prima. E la neve che si scioglie in montagna non aiuta di certo a diminuire la quantità d'acqua che si riversa in pianura. Se venerdì la situazione al limite si registrava in corrispondenza della piena delle 12, ora i corsi d'acqua sono già pieni in un periodo di "bassa". All'alba. Esondazioni nella notte tra venerdì e sabato tra Portogruaro, San Donà e il litorale. A San Stino di Livenza tracimazioni in località Corbolone.

LA SITUAZIONE DI DOMENICA

Sabato mattina situazione difficile a Mussetta di San Donà

Parte dell'area storica della città del Lemene, come 24 ore prima, è finita sott'acqua (leggi sulla situazione critica a Portogruaro) Protezione civile al lavoro anche a Mussetta di San Donà, dove l'acqua in alcune vie per pochi centimetri non è entrata nelle case. Verso le 10.30, poi, il livello fortunatamente è diminuito di qualche centimetro. A Meolo si è verificata una infiltrazione in un'aula della scuola media e c'è stato un guasto all'illuminazione in piazza Cesare Battisti a causa della pioggia incessante delle ore precedenti. Esondazioni anche a San Michele al Tagliamento e San Stino di Livenza. A macchia di leopardo tanti i paesi limitrofi dove è stato necessario intervenire. Anche il Livenza preoccupa. E molto. A La Salute l'acqua nei punti più "difficili" è in parte fuoriuscita. Una situazione in costante evoluzione.

LINEA FERROVIARIA VENEZIA-TRIESTE BLOCCATA A PORTOGRUARO

Allerta fiumi: la situazione a Concordia Sagittaria

PORTOGRUARO - Lemene e Piave, soprattutto, sorvegliati speciali da polizia municipale, protezione civile e vigili del fuoco. "A Portogruaro è stato attivato il Centro Operativo Comunale per le emergenze (COC emergenze) - dichiarava venerdì l'amministrazione locale - cui rivolgersi per le segnalazioni al numero 0421-280304. La situazione dei canali e dei fiumi in tutto il territorio è al limite". Uno scenario non cambiato di molto il giorno seguente. Anche se l'allerta con il passare delle ore dovrebbe rientrare. Il Lemene a Portogruaro ha oltrepassato gli argini venerdì mattina. La zona dei Mulini in centro è allagata e sono arrivate varie segnalazioni da Borgo San Giovanni, San Gottardo e Sant’Agnese oltre che segnalazioni dalle zone più sofferenti delle frazioni. Le strade a rischio sono state chiuse e si stanno posizionando sacchi di sabbia in tutto il territorio dalle prime ore di luce. "Al momento il problema più grosso è sui fiumi e sui canali principali che stanno raccogliendo le acque del Friuli e che a causa dello scirocco e della marea fanno fatica a defluire", ha dichiarato l'amministrazione di Portogruaro. Rimane alto quindi il livello di attenzione in particolare nelle zone già interessate da esondazioni nella mattinata precedente: Borgo San Gottardo, Borgo San Giovanni, le calli efferenti il Lemene, via Zappetti, via Reghena, via Versiola, via Belli, via Camucina, via Masata, via Arno, via Piave e limitrofe.

SAN DONA' - La pioggia venerdì mattina ha allagato l’area antistante la scuola materna Italo Calvino di Cittanova, dove c’è il cantiere per il rifacimento del piazzale. Personale del servizio manutenzioni del Comune e della ditta che sta svolgendo i lavori è intervenuto già in mattinata con delle pompe per aspirare l’acqua e mettere in sicurezza l’area, rendendola agibile già per l’uscita dei bimbi dalla scuola. Sotto osservazione soprattutto il Parco delle Rose e San Luca, che non hanno presentato particolari criticità, oltre, ovviamente, ai canali di bonifica.

LITORALE - Sul litorale mareggiate, che hanno causato ingenti danni alle spiagge. L'area dei campeggi di Cavallino è stata alle prese con grossi problemi. L'acqua, infatti, si sarebbe impadronita a macchia di leopardo di diverse aree sulla costa del località balneare. A Bibione mareggiate persistenti.

NOALE - Ma preoccupano anche il Muson dei Sassi nel Miranese e il Marzenego, che in centro a Noale è tracimato venerdì mattina proprio all'altezza dell'incrocio delle "quattro strade". Nel pieno centro del paese. Pochi centimetri d'acqua dai canali che circondano la Rocca dei Tempesta si sono riversati sulla strada, ma senza per questo causare evidenti disagi alla viabilità.

SCORZE' E MOGLIANO - Le squadre del consorzio di bonifica Acque Risorgive sono poi intevenute venerdì anche nel comune di Scorzè, con l’assistenza di una squadra del gruppo comunale di protezione civile, sul fiume Dese a monte del mulino dell’Orso, per realizzare una trincea di sacchi di sabbia e contenere una tracimazione. Nel pomeriggio è stato pianificato un intervento, invece, tra Mogliano e Campocroce, per ingrossare l’argine del Rio Rusteghin, anche in questo caso per tamponare alcuni sifonamenti dovuti anche alla presenza di nutrie.

Allerta fiumi: la situazione a Robegano di Salzano

MESTRE - Nel mestrino preoccupa sempre la zona di via Gatta e di via Tarù, vicino alla località Favorita. Come durante ogni precipitazione copiosa, infatti, la zona rischia di finire sott'acqua. Riunione della protezione civile venerdì nel primo pomeriggio. Preoccupa (e questo invece è un problema inedito) il livello del Marzenego "scoperto" da poco in piazza Ferretto. L'acqua era vicina al livello del ponte, quindi i commercianti e i residenti si sono preoccupati che l'acqua potesse esondare. Richieste di intervento per mettere in sicurezza le aree da eventuali esondazioni anche in riviera XX Settembre, vicino al policlinico, a Favaro Veneto, in via Pigafetta, a Zelarino e al Lido di Venezia.

Allerta fiumi: la situazione in zon tarù (Mestre)

LA SITUAZIONE DEL REGHENA A PORTOGRUARO

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pioggia e maree, i fiumi del Veneziano al limite anche sabato

VeneziaToday è in caricamento