menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sopralluogo sul punto dell'investimento

Il sopralluogo sul punto dell'investimento

Il pirata di Eraclea: chiesta la convalida del fermo. Lacrime all'arrivo degli agenti

L'interrogatorio di garanzia si terrà con ogni probabilità giovedì. Atti tramessi al gip. Il 18enne A.C. alla vista dei carabinieri e dei genitori si sarebbe messo a piangere

Quando sono arrivati i carabinieri a casa sua sarebbe scoppiato a piangere, spiegando di avere percepito di avere urtato qualcosa ma di non ricordare altro. Ha trascorso la notte in carcere A.C., il 18enne di Eraclea fermato con l'accusa di avere investito e ucciso un 74enne turista sloveno sulla strada provinciale 90. L'anziano si trovava in bici poco prima delle 6 di martedì quando è stato travolto dall'Opel Corsa rossa condotta dal giovane, che da poco aveva ottenuto la patente. Anziché fermarsi e prestare soccorso, il 18enne avrebbe continuato la propria corsa fino a casa.

LACRIME ALL'ARRIVO DEGLI AGENTI

E' stato lì che avrebbe detto ai genitori di aver danneggiato il veicolo, ma la madre e il padre hanno subito capito che era successo qualcosa di grave. Hanno effettuato a ritroso l'itinerario del figlio imbattendosi nei carabinieri intenti a effettuare i rilievi dell'incidente mortale. Sono stati loro a condurli nell'abitazione dove si trovava il 18enne, che a quel punto sarebbe scoppiato in lacrime. E' accusato di omicidio stradale e guida in stato di alterazione psicofisica. Giovedì dovrebbe svolgersi l'interrogatorio di convalida: mercoledì, infatti, il pubblico ministero Elisabetta Spigarelli ha chiesto la convalida del fermo nei confronti del 18enne, trasmettendo gli atti al giudice delle indagini preliminari.

DIVERSI CASI NEL VENETO ORIENTALE

Si attendono anche i risultati gli esami per far luce sulla possibile assunzione di cannabinoidi da parte del giovane, che aveva trascorso la serata con gli amici e stava tornando a casa, e sul livello di alcol che aveva nel sangue. L'eco dell'accaduto si è allargata velocemente in tutto il litorale veneziano, già segnato da diversi episodi di pirati della strada (alcuni purtroppo che hanno causato incidenti con esiti mortali) negli ultimi mesi.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento