Tifosi juventini investiti sulle strisce, si costituisce il "pirata": un padovano

Il 19enne mercoledì si è presentato nella caserma dei carabinieri di Jesolo spiegando di non essersi accorto dell'incidente. E' stato denunciato per il reato di omesso soccorso

Si è costituito alla caserma dei carabinieri di Jesolo l'investitore dei due tifosi juventini che all'alba di domenica scorsa sono stati travolti sulle strisce pedonali mentre ancora stavano festeggiando la vittoria dei bianconeri della Coppa Italia. Si tratta di due ventenni vicentini che, dopo lunga baldoria, sono apparsi alticci durante il trasporto in pronto soccorso. Per fortuna alle prese con conseguenze non gravi dopo l'incidente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il "pirata" è un 19enne di Padova che ha investito i ragazzi verso le 5 del mattino, sulle strisce. Da quel momento era scattata la caccia all'auto investitrice. Indagini ostacolate dalla scarsezza di informazioni in mano ai carabinieri, intervenuti sul posto. Fino a mercoledì, quando il conducente si è presentato sponte sua in caserma spiegando di non essersi acccorto di ciò che era accaduto. Per questo motivo, secondo lui, avrebbe continuato normalmente la propria corsa. Dopodiché la presa di coscienza di essere proprio lui l'automobilista ricercato, capendo che era il caso di mettersi di nuovo in viaggio verso la località balneare. Per lui inevitabile una denuncia per omissione di soccorso, anche se i militari dell'Arma continueranno gli accertamenti per stabilire con precisione la dinamica dell'accaduto. Uno dei feriti ha riportato un trauma alla gamba guaribile in trenta giorni, l'amico invece sta molto meglio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento