Concluso l'ultimo tratto a Cavallino, il percorso ciclabile tra Jesolo e Punta Sabbioni è completo

Si sviluppa tra gli incroci con via Sabbadino e via Baracca. Sono stati salvaguardati i pini marittimi

Si sono conclusi i lavori per la realizzazione della nuova pista ciclabile su un tratto della strada provinciale 42 “Jesolana”, via Fausta, in località Cà di Valle nel comune di Cavallino-Treporti. Il tratto si sviluppa a partire dall’incrocio con via Francesco Baracca fino a via Cristoforo Sabbadino, per una lunghezza di circa 850 metri, ed unirà le altre ciclabili già realizzate lungo la Sp 42. È costato 530mila euro, divisi a metà tra la Città metropolitana e il Comune di Cavallino-Treporti. La pista ciclabile è bidirezionale, larga mediamente 2,5 metri e separata dalla carreggiata da una aiuola spartitraffico di 50 centimetri, pavimentata con sasso bianco del Piave.

In bici tra Jesolo e Punta Sabbioni

Quest'apertura, dice il consigliere metropolitano Saverio Centenaro, «rende via Fausta completamento percorribile in bici nel tratto compreso tra Punta Sabbioni e Jesolo: un intervento strategico per la mobilità sostenibile, in particolare a favore dei turisti che soprattutto d’estate affollano i campeggi di questo territorio». La sindaca Roberta Nesto ha aggiunto: «La nuova arteria ciclabile è il completamento del collegamento non solo della frazione ma dei percorsi esistenti, da Punta Sabbioni a Cavallino e al Veneto orientale».

La pista ciclabile

Nel tratto compreso tra l'incrocio con via Austria e quello con via Lusitania, caratterizzato dalla presenza sul ciglio stradale di 13 pini marittimi domestici secolari, il percorso ciclabile è stato costruito in posizione leggermente rialzata rispetto alla quota della strada: in questo modo vengono assicurati l’aerazione e lo sviluppo delle radici degli alberi, evitando che in futuro vadano a danneggiare l'asfalto. Nel tratto compreso tra via Lusitania e via Sabbadino, invece, i marciapiedi disconnessi in più punti sono stati rifatti con finitura in betonelle autobloccanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A partire da Corso Italia è stata infine ricavata una pista ciclabile di larghezza variabile tra i 2 e i 2,50 metri sulla carreggiata stradale, la quale sarà separata dalla corsia di marcia veicolare da due linee contigue, gialla e bianca, per raccordarsi alla pista ciclabile esistente in prossimità di via Sabbadino. Per la visibilità notturna verranno posizionati i catarifrangenti "occhi di gatto". I lavori hanno riguardato anche la sostituzione dei punti luce esistenti con corpi stradali a led.
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento