Gira con una pistola a Zelarino, sospetto bloccato nel parcheggio dell'Auchan

L'uomo è stato individuato nella tarda mattinata di domenica. Sul posto più pattuglie delle forze dell'ordine. Arma (finta) sequestrata, in auto sono stati trovati anche alcuni bossoli

A segnalarlo per primo è stato un poliziotto fuori servizio, che si è accorto che quell'avventore al bar si portava insistentemente la mano al fianco lasciando intravvedere sotto la falda della giacca una pistola. Immediato l'allarme nella tarda mattinata di domenica a Zelarino: il sospetto, poi risultato un 31enne macedone residente a Mestre e addetto a servizi di portierato, è stato visto allontanarsi a bordo di una Volkswagen Touran. Subito la nota di rintraccio è stata diramata a tutte le forze dell'ordine: serviva bloccare l'uomo armato prima che potesse commettere qualche reato.

Parcheggi al setaccio

Carabinieri e polizia hanno passato al setaccio tutti i parcheggi della zona, finché i militari dell'Arma non hanno individuato il veicolo sospetto nel park del centro commerciale Auchan, vicino a Norauto. A bordo non c'era nessuno, dunque c'è stato il tempo di inviare i rinforzi in zona. Una pattuglia è entrata nel tempio dello shopping per controllare che tutto filasse liscio, le altre si sono posizionate in attesa del ritorno del sospetto. Non è servito aspettare molto: dopo pochi minuti il 31enne è tornato all'auto in compagnia di due ragazze. A quel punto si è scoperto che l'uomo aveva con sé effettivamente una pistola, ma finta. All'arma era stato annerito il tappo rosso, dunque in caso di aggressione si sarebbe potuta rivelare un'effettiva minaccia. 

carabinieri auchan ok 02-2

Manette, spray e bossoli

La pistola veniva portata in modo da inscenare l’appartenenza a qualche forza di polizia. All'interno dell'auto in sosta, perquisita, è stata sequestrata una sacca con all'interno un paio di manette, uno spray al peperoncino e numerosi bossoli già esplosi facenti parte però di un lotto classificabile come munizionamento da guerra. L’uomo è stato quindi portato nella caserma di via Miranese e, al termine degli accertamenti, è stato denunciato per detenzione di munizioni da guerra. 
 

Le indagini continuano

Le indagini naturalmente non si fermano: gli uomini dell'Arma intendono capire se la pistola finta sia stata utilizzata in precedenza per commettere reati. Per questo motivo si stanno controllando le denunce presentate di recente, anche per collegare la descrizione di eventuali aggressioni al sospetto bloccato nel parcheggio di via don Tosatto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento