menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

È uscito Pokemon Go in Italia, anche Venezia diventerà terra di allenatori e sfere poké?

Venerdì è stata rilasciata ufficialmente l'app, che è già diventata virale in tutto il mondo. Molti Veneziani hanno sfruttato uno stratagemma per giocare prima del rilascio ufficiale

È scattata ufficialmente anche in Italia la Pokemon GO mania. Come annunciato dagli sviluppatori del nuovo gioco interattivo che promette di diventare virale tra giovani e meno giovani, infatti, l'app è stato rilasciata ufficialmente anche negli store italiani, disponibile per dispositivi Android e iOS.

Si è fatto un gran parlare negli ultimi tempi del nuovo gioco rilasciato da Niantec, un’app che permette di diventare a tutti gli effetti degli allenatori, andando in giro per il mondo a catturare i Pokemon, muniti di sfere Poké. Il tutto in modo virtuale. Sfruttando il dispositivo gps del proprio smartphone o tablet, e una connessione internet, infatti, sarà possibile girare letteralmente per le strade di città e paesi di tutto il mondo, catturare strani animaletti e mostriciattoli, sfidare i capo-palestra dispersi per il mondo e non solo.

La situazione in laguna. Il gioco, c’è da scommetterci, avrà una risonanza in tutta Italia, Venezia e provincia comprese. Sono già numerosi, infatti, i Veneziani che hanno installato l’app con largo anticipo, ancora prima dell'uscita ufficiale. Uno stratagemma adottato da molti, semplice ed efficace: cambiare le impostazioni del proprio smartphone e scaricare la versione australiana dell’app. Ecco perché è già possibile fare una stima parziale dei Pokemon presenti nella città di San Marco.

Sarà una delusione? Mettiamo subito le cose in chiaro, per tutti i fan e apprendisti allenatori, almeno per il momento, sarà bene concentrarsi nell’entroterra, perché a quanto pare, tra ponti, calli e canali la situazione è molto “magra”. Sarebbero molti i Poke-stop, luoghi virtuali in cui rifornirsi di skill e far recuperare le energie ai propri “compagni d’avventura”, ma di Pokemon veri e propri non ce ne sarebbero. Sono già molti, infatti, gli utenti che hanno lamentato la desolazione più totale e che sperano sia solo una situazione temporanea.

Diversa dovrebbere essere invece la situazione al Lido e soprattutto a Mestre, dove gli apprendisti allenatori assicurano di aver trovato qualche Pokemon selvatico. Ma saranno le prossime ore ad essere cruciali per capire quali zone siano più ricche, ideali per andare a caccia. C'è da scommetterci che news di ogni tipo faranno rapidamente il giro dei social e dei forum di settore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento