menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Sindacalista in malattia a Capodanno", Cgil dura: "Inaccettabile, denunceremo Agostini"

Il comandante ha lasciato su facebook un commento al veleno, dopo aver prestato servizio al Casinò in concomitanza con lo sciopero degli ispettori. Pronta la replica di Giordano

"Ore 5.15 lascio il Casinò, 10.30 ore dopo esserci entrato: speriamo che il mio sacrificio e quello di altri quattro colleghi serva ad assicurare qualche centinaio di migliaia di euro in più alle casse del comune di Venezia". Con questo post sul proprio profilo facebook, il comandante della polizia locale di Venezia, Marco Agostini, ha commentato i propri sforzi e quelli di alcuni genti della Municipale per tenere aperta la sala da gioco veneziana in concomitanza con lo sciopero degli ispettori contro il taglio delle indennità.

Un post già di per sé provocatorio, sebbene sia stato un successivo commento dello stesso comandante a suscitare le ire della Cgil. Il comandante, infatti, rispondendo ad una dipendente, ha specificato di essere "stufo di quelli che dicono no a tutto e poi a capodanno di turno si buttano in malattia tipo Gallo della Cgil". La risposta della dirigenza non si è fatta attendere, con il segretario generale Fp della Cgil, Daniele Giordano, che ha annunciato di passare per vie legali.

"E? gravissimo quanto scritto dal comandante della polizia locale di Venezia Marco Agostini - si legge in una nota ufficiale - che, commentando il suo 'sforzo' per tenere aperto il casino? mentre i lavoratori sono in sciopero, risponde ad una lavoratrice attaccando la Cgil e dando al nostro responsabile Gallo dell’assenteista. Il comandante Agostini, ha leso, a nostro avviso, il diritto costituzionale dei lavoratori di scioperare con la rinuncia di parte del loro salario. Evidentemente l’adesione del 99% del personale del servizio ispettivo ha dato fastidio e le minacce ventilate nei giorni scorsi non hanno sortito il loro effetto".

Giordano ha specificato come l'utilizzo di strumenti pubblici quali Facebook per infangare le organizzazioni sindacali e i suoi dirigenti lede il codice di comportamento dei dipendenti pubblici, oltre che le leggi dello stato italiano. "Evidentemente alle nostre considerazioni sulla gestione della polizia locale a chi per 20 anni con tutte le maggioranze politiche di destra e di sinistra e? rimasto in sella - ha continuato Giordano in nota - non sono andate bene e, prima, ha risposto accusando gli agenti di essere degli imboscati e poi attacca la Cgil per delegittimarne il ruolo e la credibilita?. Noi pero? non ci facciamo intimidire da questi atteggiamenti squadristi, perche? la Cgil non si fa certo spaventare da questi uomini da 'prima repubblica' che pur di accondiscendere il padrone si piegano a qualsiasi cosa. Per queste ragioni nelle prossime ore come organizzazione sporgeremo denuncia alla polizia postale e chiederemo la rimozione del post da Facebook. Oltre a questo evidentemente il comandante Agostini rispondera? delle sue accuse davanti al magistrato perche? tali comportamenti non possono essere tollerati a maggior ragione se chi li compie e? un dirigente pubblico".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento