Cronaca Via Agostino Barbarigo

I clienti difendono Scarpa: "Spiaggia pulita, e a casa propria ognuno fa quello che vuole"

A "Punta Canna" a Sottomarina chi prende il sole tra lettini e gazebo difende il gestore: "Se non ti comodano i cartelli vai da un'altra parte. Qui si sta bene, non ci sono bambini..."

I cartelli inneggianti al Duce sono spariti dalla circolazione di prima mattina, forse ancora prima che la Prefettura intimasse a Gianni Scarpa, 64enne di Mirano, di "liberare" spiagga "Punta Canna" dei messaggi che avrebbero potuto essere tacciati di apologia di fascismo. All'interno i clienti abituali appena vedono una telecamera o un microfono partono subito alla carica: "Mi dica lei che notizia è", sibila un turista dal marcato accento vicentino. "Io a casa mia sono libero di fare quello che voglio, l'importante è che qui si sta bene. Sono venute 3 o 4 televisioni, non capiamo tutto questo clamore".

IL GESTORE: "NON SONO NE' DI DESTRA, NE' DI SINISTRA"

LA PREFETTURA: "TOGLIERE I CARTELLI CHE INNEGGIANO AL FASCISMO

Si tratta di un gruppetto di amici che sta prendendo l'aperitivo all'ombra, nella zona ristoro. "Guardatevi intorno - continua - la sabbia è pulita, non ci sono bambini che fanno confusione. Gianni lo conosciamo, non abbiamo nulla da ridire. Non perché siamo d'accordo con i suoi cartelli, ma perché quello che ci interessa è trascorrere bene una giornata in spiaggia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutt'attorno ci sono dei gazebo e dei lettini, con in più la torretta di salvataggio. La musica di Vasco Rossi viene sparate nelle casse, a un volume tale da non dare fastidio. "Io sono un amico di Gianni - commenta un bagnante - vengo spesso qui e a Sottomarina è pieno di spiagge. Se i cartelli ti danno fastidio vai da un'altra parte. C'è libertà di pensiero". Distesi sul lettino vicino ci sono 3 giovani: "Io non ho nulla contro gay e lesbiche - prende la parola un ragazzo sui 25 anni - e qui ho visto messaggi anche su di loro. Non vedo un'ideologia fascista qui". Il socio di Gianni Scarpa fa le sue veci e spiega come "noi dello staff non siamo certo di simpatie di estrema destra. Qui la politica semplicemente non entra".

A "Punta Canna" non sono graditi "bambini e buzzurri", mette nero su bianco il cartello all'ingresso del parcheggio. E in effetti di famiglie all'orizzonte non se ne vedono: "E' perché non ci sono giochi o strutture per loro - spiegano dal gruppetto iniziale, dopo il brindisi - qui entrano anche i marocchini a vendere abusivamente. E' una spiaggia come le altre, a noi piace". La donna al suo fianco annuisce: "Questa è una cosa montata da parte di gente schierata politicamente - sottolinea - con tutti i problemi che ci sono, proprio su questo dovete puntare?". A poca distanza ci sono altri clienti che la pensano alla stessa maniera: "Anzi, io sono d'accordo con diversi cartelli - dichiara un giovane a un tavolino - tutti i politici sono da buttare. Perché, tu hai votato alle ultime elezioni? Io no. Via tutti. Gianni ha ragione". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I clienti difendono Scarpa: "Spiaggia pulita, e a casa propria ognuno fa quello che vuole"

VeneziaToday è in caricamento