Polizia locale contro il commercio abusivo: sanzionati oltre sessanta venditori

Gli agenti, vestiti in borghese, hanno setacciato il centro storico veneziano: sequestrati oltre 600 oggetti, Ponte degli Scalzi e Lista di Spagna "zone calde"

Prosegue l'offensiva contro i commercianti abusivi a Venezia: anche giovedì alcuni agenti della sezione pronto intervento della polizia municipale sono intervenuti in abiti civili nelle zone calde del centro storico con mirate operazioni volte al contrasto del commercio ambulante abusivo.

In particolare, in Riva degli Schiavoni, proprio sulla sommità del Ponte del Sepolcro, una squadra è intervenuta per sequestrare 210 occhiali esposti da alcuni venditori del Bangladesh; tra le marche contraffatte, diversi "Fendi" e "Ray-Ban".

Altri interventi sono stati effettuati nella zona del Ponte degli Scalzi e lungo Lista di Spagna, dove sono stati sequestrati altri 50 articoli, per lo più borse. Tra queste diverse contraffazioni dei noti marchi "Chanel", "Prada" e "Michael Koors".

Il comando della polizia municipale ricorda che in particolare il Ponte degli Scalzi è stato negli ultimi quindici giorni oggetto di ripetuti interventi delle squadre in abiti civili della sezione pronto intervento, con 60 venditori sanzionati con sequestri penali o amministrativi, o che hanno abbandonato la merce a causa dell'intervento degli agenti. In totale, proprio in quell'area, sono stati ben 661 gli oggetti sequestrati, tra borse, occhiali, aste da selfie e palline antistress.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento