Rischia di perdere il cuore per la fila al ferry, bambino "scortato"

Il padre di un bimbo di tre anni in attesa di trapianto a Londra ha chiesto aiuto alla polizia dal Lido per raggiungere l'aeroporto. Troppi disagi

Doveva raggiungere subito l'aeroporto per portare il proprio figlio di tre anni a Londra. In ballo c'era la vita del piccolo, che attendeva di potersi sottoporre a un trapianto di cuore e polmoni per una grave malformazione cardiaca. L'8 settembre scorso, però, R.M. si è scontrato contro le file che si formano all'imbarco del ferryboat al Lido. Di più: si era dimenticato di prenotare l'imbarco, quindi il personale Actv si sarebbe rifiutato dopo le sue spiegazioni di individuare una corsia preferenziale.

Per questo motivo il padre ha chiamato il 113 chiedendo aiuto. Subito sul posto è stata inviata una volante, che ha cercato di chiarire la vicenda. L'uomo ha spiegato ai poliziotti che il figlio, già portatore di bypass ventricolare, era in attesa di subire un trapianto in una clinica londinese e aveva quindi urgenza di raggiungere l'aeroporto per imbarcarsi sul primo volo disponibile.

La coppia si trovava al Lido per far visita al nonno, proprio in vista dell'intervento. Traghetto non prenotato e code non calcolate. Quindi l'incubo di non trovare voli disponibili che si materializza. Le forze dell'ordine hanno controllato la documentazione e le certificazioni mediche che il padre aveva con sé, compresa l'impegnativa del medico per l'intervento chirurgico. Oltre ai biglietti aerei acquistati poco prima.

Gli uomini della questura hanno quindi contattato la sala operativa di Actv spiegando la situazione. Il funzionario di turno dell'azienda di trasporto pubblico ha quindi disposto subito che l'addetto della biglietteria emmettesse subito i biglietti, disponendo anche una corsia preferenziale per l'imbarco della famiglia. Alla fine, "scortati" dai poliziotti, padre e figlio sono riusciti a raggiungere Londra, dove il piccolo potrà ottenere il suo cuore nuovo.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento