Due aggressioni ai poliziotti in due giorni: in carcere dopo aver ferito 4 agenti

È successo nel corso del weekend. Lo stesso uomo di 35 anni bloccato e arrestato in entrambe le occasioni alla stazione di Venezia. Proteste dei sindacati di polizia

Quattro agenti di polizia, in tutto, sarebbero stati malmenati nel giro di poche ore dalla stessa persona, un senzatetto romeno di 35 anni con problemi psichici, dalla costituzione fisica robusta e dall'attitudine violenta, già più volte segnalato e denunciato. La vicenda è riportata dai quotidiani locali. Il primo episodio risale a venerdì, alla stazione di Venezia Santa Lucia, dove l'uomo spesso si aggira attaccando briga perché pretende di mangiare nei bar senza pagare: in quell'occasione avrebbe aggredito un agente della polfer che era intervenuto per identificarlo, causandogli delle lievi ferite. Alla fine l'aggressore è stato arrestato e subito liberato in attesa della perizia psichiatrica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Doppia aggressione in stazione

Il 35enne ci ha messo poco a farsi notare di nuovo: domenica mattina è stato necessario un nuovo intervento delle pattuglie della polizia ferroviaria, e anche stavolta si è avventato contro gli agenti. Ha colpito tre di loro, causando a uno la frattura del polso (30 giorni di prognosi) e ad altri due lesioni meno gravi (15 e 5 giorni, rispettivamente, i referti all'ospedale). È stato nuovamente arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, ma stavolta il pm di turno ha deciso di mandarlo in carcere, in attesa della convalida. Gli episodi sono stati commentati dai sindacati di polizia Siulp e Sap, che hanno evidenziato il problema della sicurezza per il personale delle forze dell'ordine: «Quando tutti i poliziotti saranno dotati di idonei strumenti di difesa per poter esercitare le proprie funzioni, evitando continui contatti fisici con soggetti considerati socialmente pericolosi? Tragedie come quella di Trieste vanno evitate», hanno scritto in una nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

  • Schianto in macchina nella notte, morto un ragazzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento