Cronaca ponte San Giovanni Grisostomo

Ora l'ok dalla Soprintendenza è ufficiale: Venezia avrà il suo "ponte dei Zogatoli"

Il ponte di San Giovanni Grisostomo cambierà nome, accogliendo la richiesta di numerose associazioni che tiene banco da 11 anni. Soddisfatta l'assessore Mar: "Ora la delibera"

Ora è ufficiale, finalmente Venezia ci sarà il "Ponte dei Zogatoli". Dopo le anticipazioni dei giorni scorsi, è arrivata la conferma della decisione della Soprintendenza di Venezia che, in risposta alla richiesta inviata dall'assessorato alla Toponomastica lo scorso 12 dicembre, ha espresso parere favorevole al mutamento del toponimo riferito al "Ponte San Giovanni Grisostomo" in "Ponte dei Zogatoli, già San Giovanni Grisostomo". 

"Portata a termine una richiesta di una decina d'anni fa"

“Siamo molto soddisfatti – ha dichiarato l’assessore alla Toponomastica, Paola Mar – di aver portato a termine in pochi mesi un impegno che anche le precedenti amministrazioni avevano preso senza però, di fatto, arrivare mai a una conclusione positiva per i veneziani. Grazie alla sensibilità della soprintendente Emanuela Carpani, al costante lavoro del consigliere Paolo Pellegrini, all'impegno storico del consigliere delegato alla Tutela delle tradizioni, Giovanni Giusto, e all'attività dell’ufficio Ecografico e Toponomastica, siamo riusciti ad arrivare in pochi mesi alla modifica definitiva del toponimo del luogo, attesa da undici anni dalle associazioni cittadine". 

Ora la formalizzazione della delibera 

Un’operazione che vuole ricordare un negozio storico che negli anni è stato un importante punto di riferimento per la città e i suoi residenti, senza togliere importanza alla figura di San Giovanni Grisostomo: "Il prossimo passo sarà la formalizzazione della delibera e la conseguente intitolazione", conclude l'assessore Mar. 

Richiesta di diverse associazioni

"È una richiesta che facciamo da 11 anni a tutte le amministrazioni che si sono susseguite - ha ricordato di recente Matteo Secchi di Venessia.com - insieme all'associazione Masegni e Nizioleti, Alberto Toso Fei, Pietro Bortoluzzi, lo scomparso Lino Toffolo e tanti altri. Qualche anno fa l'operazione fu accettata dall'assessore alla Cultura allora in carica, Tiziana Agostini. A Venezia ogni epoca è rappresentata da un palazzo, da un monumento, da un segno peculiare di un tempo definito - ha sottolineato Secchi - I veneziani hanno visto la propria città modificarsi quasi di generazione in generazione. Una critica che viene spesso rivolta a chi si propone come difensore della venezianità, è di non voler accettare le novità. Ma non è così".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ora l'ok dalla Soprintendenza è ufficiale: Venezia avrà il suo "ponte dei Zogatoli"

VeneziaToday è in caricamento