Senza biglietto minacciano autista e distruggono la porta dell'autobus

E' accaduto domenica sera sull'ultima corsa della Sita tra Padova e Chioggia. Quattro nordafricani sono andati su tutte le furie sul pullman

Nonostante non avessero perlomeno timbrato il biglietto. Nonostante non avessero quindi alcun titolo per salire a bordo e raggiungere Chioggia. Sono stati loro ad andare su tutte le furie. A prendersela con l'autista che minacciava di non andare più avanti se non fossero tornati nei ranghi. Quattro extracomunitari, con ogni probabilità di origini nordafricane, domenica sera hanno dato il peggio di se stessi a bordo di un autobus Sita partito da Padova alla volta della città clodiense. Era l'ultima corsa della giornata.

A quanto pare non ci sarebbero stati molti altri passeggeri sul pullman. Fatto sta che in pochi istanti l'atmosfera si è incendiata, per motivi in corso di accertamento da parte delle forze dell'ordine, e la situazione è precipitata. I quattro "portoghesi" hanno iniziato a prendersela con il conducente, tra parole grosse, urla e forse anche qualche sputo. Di fronte a tanto baccano nei suoi confronti, l'autista si è visto anche mandare in frantumi la porta anteriore destra del mezzo. Presa a calci dagli esagitati. Forse con l'intenzione di uscire nonostante il conducente avesse bloccato le uscite. Dopodiché la fuga facendo perdere le proprie tracce.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Visite in casa a parenti e amici: le regole per il Veneto a partire da domani

  • Come cambia da domani il Veneto: regole, restrizioni e cosa si può fare

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Dpcm, quando serve l'autocertificazione in Veneto: il modello ufficiale da scaricare

Torna su
VeneziaToday è in caricamento