Oltre ai pescaggi ridotti, imposti limiti sulla Romea: situazione porti insostenibile

Filt Cgil: «La manutenzione del ponte sul Brenta impedisce il transito ai mezzi oltre le 44 tonnellate. Meno 40% del fatturato per alcune imprese che consegnano al porto. Servono incentivi»

Porto di Chioggia, archivio

Al problema della navigabilità lagunare, per la mancanza del protocollo fanghi e lo scavo dei canali fermo a Venezia, si aggiunge quello della viabilità limitata sulla Romea. La strada che permette alle merci di arrivare al porto di Chioggia, nel tratto lagunare, è interdetta ai mezzi oltre le 44 tonnellate. «La manutenzione del ponte sul Brenta sta di fatto trasformando la città in un’isola - scrive il sindacato dei trasporti della Cgil e propone - di sospendere almeno fino al termine dei lavori le limitazioni al peso dei camion, pensando a un contributo per il disagio arrecato alle imprese e ai lavoratori».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La mobilitazione

Lo sciopero di tre giorni al porto di Venezia, con corteo e blocco del traffico fino a via Fratelli Bandiera a Marghera, è stato sospeso grazie all'apertura di un tavolo in Prefettura, l'8 novembre, per trattare la questione con la capitaneria, il porto, i piloti. Ma l'altra emergenza riguarda Chioggia. «La manutenzione va fatta ma come fa a lavorare un porto quando i canali sono in queste condizioni e oggi anche la merce sulle strade non riesce a transitare, tanto da obbligare le imprese ad abbandonare Chioggia? - scrive Renzo Varagnolo della Filt regionale -. I danni per il lavoro in porto sono enormi. Di qui ai prossimi mesi rischiamo di perdere 150.000 tonnellate solo di prodotti siderurgici, su 350.000 all’anno, praticamente quasi la metà, e pensare che negli ultimi mesi si stava riprendendo il traffico commerciale. Alcune imprese del porto nei prossimi 3 mesi perdono il 40% del fatturato e del lavoro. Se dovremo mobilitarci per "svegliare" chi ha responsabilità nella città, come organizzazione sindacale, di concerto con le imprese e l’indotto portuale, lo faremo in tutte le forme».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

  • 17enne insegue i rapinatori e li fa arrestare

  • Gli aggiornamenti sul coronavirus in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento