Porto: «No a una stagione di contrapposizione come fu tra Petrolchimico e città»

Presidio sindacale annunciato il 19, mentre si riunisce la Salvaguardia per le Tresse. Il 20 è il giorno del Comitatone. Sindacati e Autorità portuale sperano nel rinnovo del protocollo fanghi

Porto di Chioggia

Un'assemblea a porte aperte per ribadire il loro «No» a una stagione di contrapposizione fra Porto e città, come accadde negli anni del Petrolchimico di Marghera. Le sigle sindacali dei Trasporti Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti Veneto hanno fatto l'incontro oggi, mercoledì 11 dicembre, dalle 8 alle 12, al centro culturale Santa Maria delle Grazie di via Poerio a Mestre. Cittadinanza invitata a prendere parte al dibattito. «Sono un sindacalista - dice Toni Cappiello della Filt Cgil - ma anche un cittadino veneziano e ci tengo alla salvaguardia di Venezia. Inaccettabile venga alimentata a Porto Marghera una contrapposizione tra ambiente e lavoro. L'attività portuale va assolutamente difesa, si parla di 20 mila posti di lavoro, di buon lavoro, contrattualizzato e tutelato, tra Venezia e Chioggia. La nave oceanica da 8500 teu non entra. Alla prossima mareggiata l'ammiraglio Piero Pellizzari ridurrà ulteriormente il pescaggio e un comparto alla volta, in un futuro non tanto prossimo, resteranno a casa tutti, fino ai dipendenti del terminal».

L'intervento

«Parlare di emergenza e di sopravvivenza di un sistema portuale che è tra i più performanti del Paese è veramente triste e purtroppo non ce lo meritiamo - appoggia i portuali in assemblea il presidente dell'Autorità portuale, Pino Musolino - Da quando mi sono insediato, ho sempre sostenuto l’urgenza di effettuare gli escavi manutentivi necessari per garantire e migliorare l’operatività dei terminal. Ora ci troviamo in una situazione emergenziale». «Quando si fa passare l'idea che il canale Malamocco Marghera debba essere interrato, o che il Porto stia distruggendo la città, siamo al ridicolo - rincara Cappiello -. L'attività portuale va difesa, nessuno vuole alterare l'equilibrio della laguna. Chiediamo i 12 metri previsti dal regolamento portuale. Non pretendiamo Rotterdam, ma di scavare quel po' che si deve per la manutenzione - e quanto all'inquinamento - ci sono armatori disponibili a far partire l'alimentazione elettrica». Le tappe: il 19 si riunisce la Salvaguardia per il conferimento di un ulteriore metro di fanghi alle Tresse, «non tre come sostiene qualche associazione». Ci sarà presidio delle sigle sindacali Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti Veneto. «Il 20 attendiamo il Comitatone di Roma».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Per Zaia il problema non sono ristoranti e palestre: «Bisognava puntare su assembramenti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento