menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cresce la mania "Km Zero", ecco il primo hotel-ristorante in provincia

Il park-hotel "Ai pini" di Mestre sceglie la strada ristorativa basata solo su prodotti tipici. Applaudono Regione, Coldiretti e Federconsumatori

Il “Chilometri Zero” approda per la prima volta in un albergo del Veneziano. Dopo vari bar, osterie e trattorie, anche il park hotel “Ai Pini” di Mestre ha scelto questa nuova strada ristorativa basata sui prodotti tipici da mattina a sera. Lunedì 25 novembre è stata consegnata ai titolari Giovanni Battista Baldo e Roberta Ferrari la targa con il riconoscimento, accompagnata dal plauso di Regione Veneto, Coldiretti e Federconsumatori.

“Che la ristorazione privata risponda con entusiasmo – hanno sottolinea i vertici provinciali di Coldiretti -  significa che l’interesse per uno stile di vita a chilometri zero è sempre attuale. Nonostante i limiti burocratici  il modello in questione non perde il suo appeal”. In occasione della cerimonia lo chef Alessandro Lucato, giovane fuoriclasse della cucina tradizionale,   ha imbandito la tavola con i piatti regolarmente serviti secondo quanto prodotto dalle campagne vicine precisando.

“La pratica del kmzero comincia di prima mattina con una ricca colazione per gli ospiti che prevede anche lo “sbattutino” su richiesta” ha spiegato. Un’usanza dal sapore nostalgico che ben si combina con le esigenze caloriche dei clienti che spesso soggiornano qui per poi scarpinare un giorno intero tra ponti e isole veneziane. Nella variante col marsala o con l’aggiunta di latte caldo si tratta di una riscoperta della storia contadina che intercetta il gusto anche dei turisti stranieri.

A seguire sono state illustrate le pietanze nella carta delle offerte per il pranzo e la cena: dal primo di tagliatelle verdi agli spinaci con rosmarino e gamberi passando per creme di ortaggi e legumi, gnocchi di patate con vari sughi, mix di formaggi del caseificio di Roncade, insaccati,  secondi di carne o pesce. E poi ci sono naturalmente pure i dessert casarecci come i pasticcini al vino novello della Tenuta Sant’Antonio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento