menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Code a Venezia (archivio)

Code a Venezia (archivio)

Cibi per asporto anche la domenica e i giorni festivi, ma solo nel proprio comune

La Regione ha pubblicato un documento di specifica ad alcuni dei quesiti più frequenti sul nuovo decreto in vigore dalle 15 di ieri. Supermercati rimangono invece chiusi

Come ogni ordinanza che si rispetti, anche l'ultima firmata dal presidente del Veneto Luca Zaia ha lasciato qualche dubbio irrisolto. Sul sito della Regione è stato pubblicato un documento con il quale si specificano i chiarimenti ad alcuni dei quesiti più diffusi.

In particolar modo rimane valida la disposizione del precedente decreto che prevede la chiusura dei supermercati la domenica e nei giorni festivi, almeno fino al 4 maggio, quando decadrà l'ultimo dpcm. Diverse le disposizioni, invece, per i locali: bar, pasticcerie, ristoranti che forniscono servizio per asporto di cibi, infatti, potranno lavorare anche nei giorni festivi, e quindi oggi, 25 aprile, e venerdì 1 maggio, così come le domeniche. Una precisazione in merito agli spostamenti: è possibile fruire degli ordini per asporto solo all'interno del proprio territorio comunale.

Non cambiano ovviamente le disposizioni in materia di sicurezza. È così che si potrà ritirare pietanze per asporto solo previa prenotazione online o telefonica. L'ingresso nei locali potrà essere effettuato solo una persona alla volta, per il tempo necessario per ritirare l'ordine e pagare. Esercenti e clienti devono obbligatoriamente indossare mascherine e guanti, o quanto meno avere bocca e naso coperti e mani igienizzate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento