menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I premiati

I premiati

"Un ponte tra Spagna e laguna", nati i premi Gondola di Venezia

La cerimonia al ristorante "Al Colombo" venerdì. Madrina l'attrice de "Il Segreto" Maribel Ripoll. Riconoscimento anche per il nostro quotidiano

L'obiettivo è di costruire un nuovo ponte a Venezia, ma stavolta invisibile. Capace però di unire sempre più le realtà imprenditoriali della Spagna con quelle della laguna. E' l'idea che ha indotto Maribel Zarzuela Gil e il noto cantante, attore e autore televisivo iberico Enrique Del Pozo a dar vita alla prima edizione del premio "Gondola di Venezia", la cui premiazione è andata in scena nel tardo pomeriggio di venerdì al ristorante "Al Colombo", a letteralmente due passi dal teatro Goldoni.

Premio speciale della manifestazione alla madrina della serata: l'attrice spagnola Maribel Ripoll, alias "Dolores" nella serie tv "Il Segreto". Un'attrice che in Spagna è una diva e che in Italia ha raggiunto la notorietà proprio con la fiction di Canale 5. "Abbiamo cercato di cogliere le realtà più interessanti del territorio, in modo da poterle mettere in connessione tra loro - ha spiegato Del Pozo - Perché nell'imprenditoria è soprattutto una questione di reti e di relazioni. In Spagna si organizzano spesso premi di questo genere proprio per favorire sinergie e collaborazioni. Ho deciso di fare questo anche a Venezia, città con potenzialità enormi".

I riconoscimenti sono stati assegnati a nuove realtà come a "mostri sacri" della città, come per esempio Itali Ianne, autore di alcune delle canzoni di maggior successo del panorama italiano. A lui il ruolo di "padrino d'onore" della kermesse. Ma l'elenco dei premiati è piuttosto lungo e soprattutto eterogeneo: per la stampa il riconoscimento è andato al nostro quotidiano online "VeneziaToday" ("Perché Internet è il futuro, e voi state raggiungendo grossi risultati", ha spiegato Del Pozo), per le Fiction il premio era d'obbligo a "Il Segreto" di Mediaset, per la categoria sport, invece, la gondola andrà a Fernando Llorente, ora al Siviglia ma la scorsa stagione alla Juventus. Miglior imprenditrice Emmanuella Giangreco, mentre il suo collega maschile che si è accaparrato il premio è stato Domenico, del ristorante "Al Colombo".

Sezione arte appannaggio dello scultore Fiore Iorillo, che ha materialmente dato forma ai premi, mentre "gloria" c'è stata anche per il collettivo LGBT Stonewall di Venezia e per il Collettivo LGBT di Treviso. I gondolieri premiati sono stati Adriano Dabalà e Giorgia Bòscolo, mentre a regalare brio alla cerimonia (anche a loro un premio) ci hanno pensato i membri dell'associazione "Amici del Carnevale", che hanno sfoggiato i loro sontuosi vestiti. Miglior hotel Palazzo Odoni e "gondola d'onore" al Caffé Florian, uno dei luoghi simbolo della città. Premiati, infine, anche l'Atelier "Sogno Veneziano" (artigianato), l'associazione Voga Veneta Mestre, il negozio Maryca (vetro di Murano) e Rita Felice, parrucchiera titolare del negozio "Incanto" di Scorzè (creatività e cinema).   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento