Il premio Veneziano dell'anno alla generazione del terzo millennio

Conferito domenica dall'Associazione Settemari ai giovani, veneziani e non, che dal 12 novembre scorso, assieme ad altri 3 mila coetanei, si sono mobilitati per salvare monumenti, libri e prendersi cura dei residenti

Il premio Veneziano dell'anno alle sale Apollinee del Teatro La Fenice

Il premio al Veneziano dell'anno 2019 è andato alla "generazione del terzo millennio": 18 giovani, veneziani e non, che dal 12 novembre scorso, assieme ad altri 3 mila loro coetanei, si sono mobilitati per aiutare a lenire le ferite dell'alta marea eccezionale, contribuendo a salvare monumenti, reperti storici, libri antichi e a prendersi cura dei residenti che, nei giorni successivi, si sono trovati in difficoltà. Così ha voluto l'Associazione Settemari, che patrocina il riconoscimento, "di alto senso civico e contagioso entusiasmo, che ha saputo diffondere stimoli e speranze per il futuro della nostra comunità". Il premio, istituito nel 1978, è stato consegnato dalla vincitrice dell'edizione precedente, la ricercatrice Adriana Albini, prima italiana nominata nel direttivo dell'American Association for Cancer Research, nelle mani dei giovani Alice e Aldo.

Un simbolo

Il sindaco Luigi Brugnaro ha partecipato questa mattina, nelle Sale Apollinee del Teatro La Fenice, alla cerimonia di consegna del premio. «Complimenti all'Associazione Settemari per la scelta - ha detto - che mi sembra opportuna per due elementi. In primis perché Venezia ce la fa, ce l'ha fatta e ce la farà, in secondo luogo perché i giovani sono il nostro futuro. Avete dimostrato di cosa siete capaci e il fatto che vi siate dimostrati reattivi di fronte a una difficoltà imprevista fa di voi delle grandi persone. Vi premiamo perché siete un simbolo, vi premiamo perché vi siete sporcati le mani con uno slancio di generosità che vi è venuto dal cuore. Questo è un bell'esempio di cosa possono essere i giovani oggi».

Residenzialità

«Venezia è una città accogliente - ha affermato il sindaco - spero che chi di voi vive in terraferma possa decidere di venire ad abitare in centro storico perché siamo riusciti a portare il lavoro. Continueremo a investire molto sulla residenzialità, infatti non abbiamo venduto nessun alloggio pubblico e li stiamo ristrutturando tutti, agevolando nelle assegnazioni le giovani coppie. Punteremo tutto sulla vostra generazione, perché rappresentate il nostro futuro. Vi ringrazio a nome di tutta Venezia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli insigniti

La cerimonia è stata aperta dal saluto del sovrintendente del Teatro Fenice Fortunato Ortombina ed è proseguita con gli interventi, tra gli altri, della vicepresidente dell'Associazione Settemari Margherita Scattolin, del presidente della Regione Veneto Luca Zaia (che ha inviato un messaggio di ringraziamento) e della presidente dell'Associazione dei comitati privati internazionali per la salvaguardia di Venezia Paola Marini. Nei 40 anni precedenti sono state tante le persone, le società e le associazioni a essere insignite del riconoscimento, che si pone l'obiettivo di ringraziare "chi, con la propria attività, impegno e testimonianza ha contribuito al miglioramento sociale e culturale della città". Nell'elenco figurano Bebe Vio, Paolo Baratta, Frances Clarke, Egidio Martini, Alvise Zorzi, Sergio Tagliapietra 'Ciaci' e Palmiro Fongher, Feliciano Benvenuti, Sandro Meccoli, Marino Zorzi, Ernesto Canal, Giancarlo Ligabue, Damiano Michieletto. Tra gli enti, le società e le istituzioni ci sono la Comunità mechitarista Armena, il Teatro La Fenice, il Teatro a l'Avogaria di Giovanni e Carla Poli, la comunità Ebraica, la Reyer Venezia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale fra una Punto e un camioncino, muore una ragazza

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Cade in acqua lungo la Riviera del Brenta e perde la vita

  • Un motociclista morto in un incidente stradale

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento