rotate-mobile
Cronaca

Il festival "Spirito della Musica" lanciato dal teatro La Fenice

Il più importante palcoscenico veneziano e la sua fondazione propongono un ricco calendario di rappresentazioni attraverso tutto il centro storico

Con tre rappresentazioni (il 10, il 14 e il 17 luglio) nel cortile di Palazzo Ducale a Venezia, l'Otello verdiano, ripresentato in Giappone lo scorso aprile nella tournee del Teatro La Fenice, sarà l'evento di punta della prima edizione del festival “Lo spirito della musica di Venezia”. La manifestazione, ideata e curata dalla Fondazione Teatro La Fenice di Venezia, si terrà tra il 20 giugno e il 24 agosto ed è stata presentata martedì nelle Sale Apollinee del teatro. L'unicità di Venezia, perenne cantiere di sperimentazione artistica, costituisce il filo conduttore della rassegna. "Lo spirito - ha spiegato Fortunato Ortombina, direttore artistico della Fenice - è inteso come metodo, approccio e procedura, mantenendo l'idea di grande apertura che è appartenuta alla storia della città e ritengo sia la via che Venezia deve continuare a percorrere. E non abbiamo trascurato nessuna forma, dal teatro musicale, alla danza, al contemporaneo".

IL PROGRAMMA - Tutto questo lo si riscontra sin dallo spettacolo di apertura con un nuovo allestimento della Butterfly pucciniana, nato dalla collaborazione tra Fenice e Biennale Arte, che debutterà in Teatro il 21 giugno con la regia di Alex Rigola, la direzione di Omer Meir Wellber e l'artista visiva Mariko Mori nell'insolito ruolo di scenografa e costumista. Attenzione al contemporaneo confermata dalla giornata speciale del 6 luglio, alle Sale Apollinee, dedicata al veneziano Bruno Maderna, uno dei protagonisti del Novecento musicale, nei quarant'anni dalla sua scomparsa. Particolarità del festival, la dislocazione degli appuntamenti in moltissimi luoghi del centro storico, delle isole e della terraferma: oltre agli spazi della Fenice, le basiliche di San Marco e dei Frari, chiese storiche (Pietà, San Moisé, San Salvador, San Donato a Murano, San Lorenzo e San Girolamo a Mestre), siti monumentali (Palazzo Ducale, Scuola grande di San Rocco e il Laurentianum di Mestre), palazzi storici (Contarini Polignac e Grimani). Location speciali sono state poi previste per la serata d'anteprima (il 20 giugno nella restaurata cantoria lignea settecentesca della chiesa di San Rocco) e per quella di chiusura (a Cortina d'Ampezzo). Gli eventi saranno più di una quarantina, articolati in una decina di sezioni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il festival "Spirito della Musica" lanciato dal teatro La Fenice

VeneziaToday è in caricamento