Usava l'auto della scuola per scopi privati, la preside viene sospesa

L'ex dirigente scolastica dell'istituto Luzzati-Gramsci della Gazzera era stata condannata per peculato. Ora la sostituzione. Annunciato appello

Il Luzzati-Gramsci alla Gazzera

Condannata a due anni e otto mesi per peculato, ora la preside dell'istituto Luzzati-Gramsci della Gazzera, 53 anni, è stata sospesa dall'incarico e sostituita con un nuovo dirigente. La professoressa, dirigente scolastica dal 2007 al 2009, è stata giudicata colpevole per aver utilizzato un'auto dell'istituto, a disposizione per il trasporto di materiali dalle varie sedi della scuola, per scopi privati.

L'inchiesta, come riferisce La Nuova Venezia, era partita dopo una segnalazione anonima. Sulla vicenda sono stati eseguiti accertamenti, disposti dal pubblico ministero veneziano Stefano Buccini, anche con l'uso di un sistema Gps piazzato sulla vettura. I sospetti erano stati quindi confermati.

La preside si è giustificata asserendo che coordinando più scuole ed essendo impegnata fino a tarda sera, non aveva altro mezzo per tornare a casa. Il gip Alberto Scaramuzza, nel rito abbreviato, non ha accolto la tesi e ha condannato la dirigente che, tramite il suo legale, ha annunciato che farà appello. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché Venezia era piena di gatti?

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento